Iren programma di investire in Liguria 905 milioni di euro entro la fine del 2025

Il Piano Industriale di Iren al 2025 prevede investimenti in Liguria per 905 milioni di euro (il 24,5% dei 3,7 miliardi di investimenti previsti), di cui il 63% destinati nel sistema idrico integrato, il 21% nel settore ambiente, il 15% nelle reti di distribuzione gas e l’1% nella cogenerazione. In particolare, per quanto riguarda la provincia di Genova, gli investimenti previsti al 2025 sono pari a 658 milioni di euro, di cui il 73% saranno sostenibili con un focus importante destinato alla multicircle economy, la strategia di crescita di Iren che estende il concetto di economia circolare, enfatizzando la natura multi-business del Gruppo e la visione industriale a lungo termine focalizzata sull’uso consapevole ed efficiente delle risorse.
L’attivazione delle filiere di fornitura e subfornitura da parte di Iren genera un contributo di 2,7 miliardi al Pil e circa 30mila posti di lavoro. In Liguria, gli acquisti di beni e servizi di Iren generano un giro d’affari - diretto, indiretto e indotto - di 82 milioni di euro in molteplici settori economici e 471 posti di lavoro che, sommati ai dipendenti diretti di Iren, concorrono a generare un’occupazione complessiva di oltre 2.300 persone nella regione. Negli ultimi cinque anni, il totale ordinato a fornitori della Liguria è pari a circa 546 milioni di euro, mentre nella sola provincia di Genova ammonta a circa 495 milioni.
Iren ha uno storico radicamento a Genova, dove dal 2015 ha investito 433 milioni e dove gestisce il ciclo idrico integrato con oltre 95 milioni di metri cubi d’acqua immessi in rete per la distribuzione, la rete gas con oltre 1.700 km di infrastrutture e oltre 317.000 clienti serviti e il teleriscaldamento con circa 34mila abitanti serviti. In provincia di Genova, dove il Gruppo gestisce 298 impianti di depurazione, Iren serve quasi 950.000 abitanti nel servizio acquedotto e complessivamente 1,5 milioni in tutta la Liguria. Sotto la Lanterna, inoltre, nel 2019 il Gruppo ha sostenuto progetti ambientali, culturali, sociali, sportivi per 3,4 milioni di euro (quasi 14 milioni di euro nell’ultimo quinquennio nell’area ligure). Inoltre, negli ultimi cinque anni, il Gruppo ha assunto 183 persone in provincia di Genova, dove a fine 2019 lavoravano 1.040 dipendenti.