I nuovi vertici della Sanità ligure

La Giunta della Regione Liguria ha approvato la delibera di nomina dei sette nuovi direttori generali delle aziende sanitarie e ospedaliere della Liguria, a partire dal primo gennaio 2021. Lo riferisce l'Ansa Liguria, precisando che il nuovo commissario straordinario dell'Azienda ligure sanitaria (Alisa) è Francesco Quaglia, attuale direttore del dipartimento salute- Quaglia assumerà l'incarico ad interim, per sei mesi rinnovabili, al posto di Walter Locatelli e sarà affiancato da due sub commissari - il responsabile Prevenzione di Alisa, Filippo Ansaldi e l'ex direttore generale dell'Asl 5 spezzina, Daniela Troiano - e dal responsabile del dipartimento Emergenze, Angelo Gratarola.
L'attuale direttore amministrativo del policlinico San Martino di Genova, Salvatore Giuffrida, ne diventa direttore generale, al posto di Giovanni Ucci. Il dirigente sanitario torinese Silvio Falco diventa nuovo direttore generale dell'Asl 1 di Imperia. Dall'Asl 1, Marco Damonte Prioli passa alla guida dell'Asl 2 di Savona. Luigi Carlo Bottaro è confermato all'Asl 3. Il direttore generale dell'ospedale Gaslini, Paolo Petralia, diventa direttore generale dell'Asl 4 del Tigullio, al posto di Bruna Rebagliati; mentre Paolo Cavagnaro passa dall'Asl 2 all'Asl 5 spezzina, al posto di Daniela Troiano.
Abbiamo cercato di valorizzare le esperienze maturate durante l'emergenza Covid e di arruolare il meglio che abbiamo trovato” ha commenta il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che ha dato mandato al nuovo commissario di Alisa di nominare l'infettivologo Matteo Bassetti nuovo responsabile del Dipartimenti interaziendale di Malattie infettive della Liguria.
Salvatore Giuffrida (dg Ospedale Policlinico San Martino), nato a Loano, il 30 ottobre 1963, ha iniziato alla Asl Finalese-Santa Corona come direttore del personale. Ha trascorso 15 anni a seguire in Telecom, come responsabile dell’area territoriale e 14 anni a Liguria Digitale, come responsabile della Direzione Sanitaria. È stato direttore del personale e direttore amministrativo della Asl2 e poi direttore amministrativo del “San Martino”. È un velista agonista praticante.

Silvio Falco (dg Asl1), 59 anni, attuale direttore di struttura complessa di Igiene degli alimenti e della nutrizione al Dipartimento prevenzione dell’AslTO3, ha ricoperto diversi importanti incarichi di vertice nelle aziende della sanità piemontesi, tra cui direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino, direttore generale dell’azienda ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino. È stato direttore sanitario in diverse aziende tra cui Asl To3 di Pinerolo, azienda ospedaliero-universitaria S.Luigi Gonzaga di Orbassano, ospedale Mauriziano di Torino, di cui è stato anche commissario straordinario.
Marco Damonte Prioli (dg Asl2), 56 anni, già direttore generale della Asl1 imperiese con importanti esperienze gestionali presso Aziende sanitarie quale direttore amministrativo di Asl3, dirigente dell’informatica presso Regione Liguria e con importanti competenze in materia di programmazione sanitaria. Luigi Carlo Bottaro (dg Asl3), 64 anni., iconfermato nell’incarico di direttore generale della Asl3, con importanti esperienze pregresse anche di direzione sanitaria presso la stessa azienda, dove ha ricoperto anche gli incarichi di direzione del dipartimento interaziendale di Patologia clinica metropolitano.
Paolo Petralia (dg Asl4), 55 anni, una decennale esperienza di direttore generale dell’Istituto Gaslini, è presidente e direttore dell’Associazione ospedali pediatrici italiani. Paolo Cavagnaro (dg Asl5) ha ricoperto l’incarico di commissario straordinario alla Asl2, direttore generale della Asl4 e direttore sanitario della Asl3. Caratterizzato da grande esperienza nella gestione del territorio.
Francesco Quaglia, commissario straordinari Alisa ad interim, 61 anni, confermato direttore generale del Dipartimento salute e servizi sociali di Regione Liguria, componente del comitato di settore per la contrattazione collettiva nazionale in materia sanitaria. Ha ricoperto rilevanti incarichi di dirigente regionale sempre nell’ambito della sanità nonché di direttore generale della ex Ars Liguria.