Tinexta crea polo italiano di cibersecurity acquisendo tre società specializzate L'azione sale dell'11,7% e nuovo record

 Tinexta, società guidata dai torinesi Pier Andrea Chevallard (amministratore delegato) e Enrico Salza (presidente) ha annunciato la creazione di un nuovo polo nazionale di cybersecurity che assisterà clienti privati e pubblici nei processi di digital transformation con le migliori tecnologie e i protocolli più avanzati per la sicurezza digitale e l’identità digitale. Ad affiancare il business di digital trust, in cui è leader in Europa, Tinexta annuncia la sottoscrizione di accordi vincolanti per l’acquisizione della maggioranza del capitale di tre importanti attività italiane: la divisione “progetti e soluzioni” di Corvallis; Yoroi, tra i player più avanzati nel settore con i suoi marchi Cybaze, Emaze e @Mediaservice.net; e Swascan, azienda innovativa che opera attraverso piattaforme cloud di “security testing”.
Le tre aziende costituiscono il nucleo operativo della nuova business unit Cybersecurity di Tinexta, dotata di competenze, risorse altamente specializzate e tecnologie avanzate per cogliere le crescenti opportunità nel mercato digitale in forte espansione. Tinexta estende così, significativamente, la sua offerta di servizi e tecnologie digitali creando un protagonista di statura nazionale e internazionale in grado di offrire soluzioni uniche nel panorama europeo. La responsabilità della nuova business unit è affidata a Marco Comastri, già responsabile della funzione Sales & Marketing e Sviluppo Strategico di Tinexta, che vanta una lunga esperienza nel settore It e si avvarrà della stretta collaborazione del management delle società acquisite.
L’investimento iniziale per l’acquisto delle quote di maggioranza delle tre attività è pari a 47,8 milioni di euro. Il closing delle acquisizioni è atteso all’inizio del 2021, a eccezione dell’acquisizione della quota di maggioranza di Swascan, che dovrebbe essere perfezionata entro il 2020. Le quote di minoranza del capitale delle tre società potranno essere acquisite da Tinexta nel 2024, sulla base di diritti di opzione put/call.
La nuova business unit Cybersecurity ha realizzato, sulla base di dati pro-forma riferiti all’esercizio 2019, ricavi pari a circa 61 milioni di euro e un’ebitda pari a circa 7 milioni. Il suo consolidamento dovrebbe quindi a incrementare di oltre il 20% i ricavi del Gruppo e di quasi il 10% l’ebitda. Il presidente Enrico Salza ha commentato: “Quella che annunciamoè la più importante operazione effettuata dal nostro Gruppo dalla sua fondazione. Grazie a queste acquisizioni, Tinexta cresce considerevolmente in dimensioni occupando circa 2.000 addetti e fa il suo ingresso in una nuova area di business, la cybersecurity, con competenze e tecnologie che consentiranno di svolgere un ruolo da protagonista del mercato”.
La Borsa ha reagito molto positivamente alla notizia della nuova operazione: oggi, 13 ottobre, l'azione Tinexta ha avuto un balzo del l'11,72%, terminando la seduta a 19,44 euro, quotazione che rappresenta il nuovo record.