Daniele Vaccarino nel Cda dell'Ice

 Il torinese Daniele Vaccarino, presidente della Cna (Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa) è stato nominato componente del consiglio di amministrazione dell’Ice, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese. A deliberarlo è stato il Consiglio dei ministri.
Siamo convinti che la presenza del presidente della Cna nel Cda dell’Ice faciliterà l’accesso di artigiani, micro e piccole imprese ai mercati esteri e favorirà il loro processo di internazionalizzazione, ponendoli in posizione privilegiata al momento dell’auspicata ripartenza” ha subito commentato la Cna.
Daniele Vaccarino è nato nel 1952 a Castiglione Torinese, dove vive e lavora. Sposato, ha due figli. E' figlio d'arte: il padre era un artigiano metalmeccanico. E' amministratore della Carmec, che produce impianti per parcheggi meccanizzati. Prima di essere eletto e confermato alla presidenza nazionale della Cna, Daniele Vaccarino ha ricoperto lo stesso incarico alla Cna di Torino e del Piemonte. Gran sportivo, è appassionato di sci, trekking, motociclismo e calcetto. Ama i viaggi e ha contribuito a realizzare una scuola di ceramica in Israele, per israeliani e palestinesi.
Dal primo giorno di luglio, Daniele Vaccarino, è anche presidente e portavoce di Rete Imprese Italia. In passato è stato, fra l'altro, membro del Consiglio generale della Compagnia di San Paolo.