L'operazione di Diasorin per aprire in Cina il suo primo sito di produzione e ricerca

 Diasorin, la società di Saluggia controllata dal presidente Gustavo Denegri, annuncia di aver esteso l’attuale jointventure con FuYuan al Governo del distretto di Baoshan (Shanghai), due entità governative cinesi, con l'obiettivo di investire per l’apertura del primo sito di produzione e ricerca del Gruppo in Cina, a Shanghai. La partnership strategica con FuYuan e Shanghai Baoshan District permetterà a Diasorin di migliorare ulteriormente il proprio posizionamento in Cina, configurandosi come produttore locale di test diagnostici di alta qualità e accedendo a nuove opportunità di mercato riservate alle aziende manifatturiere locali. 
Il nuovo sito industriale produrrà test innovativi nel campo dell'oncologia e dei disturbi metabolici, inclusi quelli relativi alla diagnosi dell'ipertensione. DiaSorin opera da oltre 10 anni in joint-venture con il governo cinese e, adoggi, serve oltre mille ospedali nel Paese, forte del proprio posizionamento di leadership nel campo della diagnosi delle infezioni prenatali. Si prevede che al completamento del nuovo impianto produttivo, Diasorin darà impiego a oltre 300 persone in Cina.
La continua e crescente importanza del mercato cinese nel settore diagnostico, così come la necessità di aumentare la qualità dei test diagnostici destinati al mercato locale, ci hanno portato ad avviare questo ambizioso progetto - ha commentato Chen Even, chief commercial officer del gruppo Diasorin, oltre che azionista e consigliere di amministrazione - Siamo convinti che una presenza locale più forte ci consentirà di ottenere l'accesso a nuove opportunità di mercato in un Paese che ci riconosce come un player innovativo e in grado di fornire soluzioni diagnostiche di estrema qualità”.
La ricerca e la produzione nel nuovo sito di Shanghai garantiranno test di prim'ordine per fornire soluzioni innovative alle crescenti esigenze del sistema sanitario cinese. Il nuovo sito industriale consentirà, inoltre, a Diasorin di distribuire localmente numerosi test che stanno già ottenendo ottime performance in altre aree geografiche e di lanciare nuovi test sviluppati specificamente per il mercato cinese.
Il torinese Carlo Rosa, amministratore delegato di Diasorin, della quale è anche il secondo maggiore azionista, ha detto: “La nostra presenza in Cina è aumentata in modo significativo dal 2005, quando abbiamo iniziato a operare nel Paese. Negli ultimi anni abbiamo trasformato la filiale commerciale cinese in uno dei poli strategici del nostro gruppo. È ora giunto il momento di crescere ulteriormente in questo importantissimo mercato, facendo leva sulla nostra ampia offerta di test specialistici per rafforzare la nostra posizione già consolidata nel Paese. Guardando al nostro futuro, sarà sempre più rilevante rafforzare la nostra presenza globale, investendo nei mercati strategici e a maggior tasso di crescita come la Cina, dove il Governo ha deciso di investire centinaia di miliardi di dollari nei prossimi dieci anni per migliorare ulteriormente il proprio sistema sanitario”.