Il commento di Messina (Intesa Sanpaolo) dopo l'ok del Garante della concorrenza

“Il provvedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, rilasciato in relazione all’Offerta pubblica di scambio promossa da Intesa Sanpaolo sulle azioni di Ubi Banca, è l’ultimo atto autorizzativo in termini di tempo, dopo il via libera ricevuto dalla Banca Centrale Europea, dalla Banca d’Italia, dall’Ivass e dalla Consob. Si tratta di un passaggio di importanza fondamentale perché garantisce agli azionisti Ubi, che aderiranno all’offerta, la totale correttezza dell’operazione dal punto di vista regolamentare. Il provvedimento dell’Autorità, conferma, infatti, che l’operazione, a fronte degli impegni proposti da Isp, è pienamente compatibile con la concorrenza, a tutela sia delle dinamiche competitive del mercato bancario italiano sia dei diritti dei consumatori”.

Lo ha detto Carlo Messina, l'amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, subito dopo aver ricevuto la comunicazione dell'autorizzazione dell'Autorità garante della concorrenza all'acquisizione del controllo di Ubi Banca “subordinatamente all'esecuzione di cessioni strutturali in linea con quanto previsto nell'accordo Bper e dagli Isp, come definiti nel documento di offerta, imponendo talune specifiche misure attuative in relazione alle predette cessioni di sportelli”.

Carlo Messina ha concluso: “Tale decisione, inoltre, garantisce la nascita di un progetto che ha tra i suoi obiettivi la creazione di un gruppo ai vertici europei del settore bancario, rafforzando al contempo il contesto domestico. Tengo, infine, a esprimere vivo apprezzamento per l’operato dell’Autorità e per i tempi con cui ha concluso l’istruttoria: gli azionisti di Ubi, infatti, sono ora in possesso di tutte le informazioni necessarie per poter valutare al meglio la nostra offerta ed effettuare la loro scelta”.