Astm vince la gara per il 19,3% della Sitaf agli enti pubblici torinesi 272 milioni

Astm, quotata che fa capo alla famiglia Gavio di Tortona, si è aggiudicata, in via provvisoria. la gara per l’acquisizione della quota del 19,347% del capitale sociale di Sitaf (Società Italiana Traforo Autostradale del Frejus), arrivando così a detenere, direttamente e indirettamente, una quota pari al 67,22% del capitale sociale. Astm ha presentato la migliore offerta economica nell’asta pubblica promossa da Finanziaria Città di Torino Holding (Fct) e Città Metropolitana di Torino per la cessione congiunta delle rispettive quote detenute in Sitag pari al 10,653% e all’8,694%. A seguito dell’acquisizione, avvenuta per un corrispettivo di 272 milioni di euro, il valore di carico della partecipazione ammonterà a circa 463 milioni per il 67,22%.

Sitaf è titolare della concessione, con scadenza nel 2050, per la progettazione, costruzione e gestione del traforo del Frejus, lungo circa 13 km, e del collegamento autostradale al traforo, l’autostrada A32 Torino-Bardonecchia della lunghezza di 73 km.

Umberto Tosoni, amministratore delegato di Astm, ha commentato: “E’ per noi motivo di particolare orgoglio essersi aggiudicati questa gara. Crediamo nel nostro Paese e nelle sue potenzialità. Pur in un momento così difficile, continueremo a investire in Italia consapevoli del ruolo strategico delle infrastrutture per il rilancio dell’economia. L’acquisizione della maggioranza in Sitaf, inoltre, rappresenta una svolta industriale che permette di dotare la società di un azionariato stabile, con un azionista di controllo, che potrà investire in innovazione, qualità del servizio per gli utenti, tecnologia e info-mobility, su un asset strategico per il Paese che collega Italia e Francia e che, dal 2021, vedrà anche il raddoppio della capacità trasportistica con l’apertura della seconda canna del Frejus”.

L’acquisizione testimonia anche la capacità del Gruppo di aggiudicarsi nuove gare, creare valore per gli azionisti in un contesto competitivo nel quale il Gruppo ha sempre saputo esprimere le proprie competenze e il proprio know-how come testimoniano i successi nelle gare dell’Asti-Cuneo, Tem, Brebemi, Autovia Padana, in cui sono state premiate efficienza, capacità industriale e solidità finanziaria. In particolare, l’aggiudicazione consente di attuare importanti leve per la creazione di valore.

Sitaf ha chiuso l’esercizio 2019 con ricavi consolidati di 221 milioni di euro ed un ebitda consolidato di 125 milioni. Il Gruppo Astm è leader mondiale nella progettazione, realizzazione e gestione di grandi opere infrastrutturali. E' attivo in oltre 20 Paesi con circa 12.000 tra dipendenti e collaboratori. Le attività del Gruppo sono focalizzate in tre principali aree: gestione di infrastrutture autostradali (concessioni), progettazione e costruzione di grandi opere, tecnologia applicata alla mobilità dei trasporti. Nell’area delle concessioni, il Gruppo Astm è il secondo operatore al mondo nella gestione di infrastrutture autostradali che coprono circa 4.600 km, di cui 1.423 km in Italia, 3.087 km in Brasile attraverso la co-controllata Ecorodovias e 84 km nel Regno Unito attraverso la partecipazione in Road Link.