Mercato autocarri, in maggio calo del 41%

Nonostante la riapertura dei concessionari e il progressivo allentamento delle misure restrittive anti Covid-19, il mercato italiano degli autocarri riporta in maggio ancora una significativa flessione a doppia cifra, anche se in recupero rispetto al tracollo di aprile. Così, il cumulato dei primi cinque mesi presenta risultati “preoccupanti”. Lo ha comunicato l'Anfia, l'associazione dell'industria automotive nazionale, precisando che il mese scorso sono stati rilasciati 1.354 libretti di circolazione di nuovi autocarri (-41,3% rispetto a maggio 2019) e 944 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con peso totale a terra superiore a 3.500 kg (-8,3%), suddivisi in 88 rimorchi (-34,8%) e 856 semirimorchi (-4,4%). Nei primi cinque mesi dell’anno si contano 7.641 libretti di circolazione di nuovi autocarri, il 29,4% in meno del periodo gennaio-maggio 2019, e 4.426 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti (-41,9% rispetto a gennaio-maggio 2019), così ripartiti: 372 rimorchi (-43,5%) e 4.054 semirimorchi (-41,7%).