Inps: diventati oltre 180.000 i beneficiari del reddito o di pensione di cittadinanza nelle tre regioni del Nord Ovest

Nel bimestre aprile-maggio, altri 9.620 i nuclei familiari delle tre regioni del Nord Ovest hanno chiesto il reddito o la pensione di cittadinanza: in particolare, 6.739 istanze sono partire dal Piemonte, 2.762 dalla Liguria e 119 dalla Valle d'Aosta. Così è salito a 157.329 il totale dei nuclei richiedenti del Nord Ovest dalla fine di aprile dell'anno scorso, dei quali 112.508 riferibili al Piemonte, 42.444 alla Liguria e 2.377 alla Valle d'Aosta.

Quanto alle domande accolte, l'Inps ha comunicato che al 31 maggio sono state 72.398 quelle presentate dal Piemonte dalla fine di aprile dell'anno scorso, 27.610 dalla Liguria e 1.388 dalla Valle d'Aosta; mentre, nello stesso periodo, il Piemonte se ne è viste respingere 29.830, la Liguria 11.297 e la Valle d'Aosta 792.

Le persone dei nuclei familiari percettori di reddito o pensione di cittadinanza sono 132.519 in Piemonte (importo medio mensile di 483,11 euro), 47.303 in Liguria (465,50 euro) e 2.215 in Valle d'Aosta (397,70 euro). Totale del Nord Ovest: 182.037 le persone beneficiarie.

In tutta l'Italia, tra aprile 2019 e maggio 2020, le domande pervenute all’Inps sono state 1.952.640: in particolare, 1.315.511 sono state accolte, 146.495 sono in lavorazione e 490.634 sono state respinte o cancellate. Da aprile 2019 ad oggi 144.495 nuclei sono decaduti dal diritto. Le regioni del Sud e delle isole, con 1.099.526 nuclei (56,3%), detengono il primato delle domande pervenute, seguite dalle regioni del Nord, con 535.236 nuclei (27,4%) e da quelle del Centro con 317.878 nuclei (16,3%).