Biancamano riduce l'indebitamento netto

L'indebitamento netto consolidato del Gruppo Biancamano, la cui capo gruppo è quotata in Borsa e fa capo al savonese Giovanni Nattista Pizzimbone, classe 1966, al 31 gennaio 2020 ammonta a 76,126 milioni, 28,546 in meno rispetto al 31 dicembre 2019, quando era di 104,672 milioni.
La riduzione è riconducibile soprattutto alle recente emissione di 65.999.298 “Strumenti Finanziari Partecipativi Biancamano convertibili in azioni ordinarie Biancamano”, per 36,950 milioni, sottoscritti da tutti gli istituti di credito aderenti all’accordo bancario e liberati mediante compensazione con il credito vantato da ciascuno di essi nei confronti della società (post accollo dei debiti di Aimeri Ambiente nei confronti di talune banche per 35,567 milioni).
La diminuzione delle disponibilità è imputabile principalmente ai pagamenti che la controllata Aimeri Ambiente sta progressivamente effettuando nel rispetto del piano concordatario omologato.