Piazza Affari: protagoniste Ubi e Diasorin Pattern al nuovo massimo sfiora i 5 euro

Luca Sburlati, ad Pattern
Piemontesi protagoniste, in positivo e non, alla Borsa di Milano, oggi, 16 gennaio. Ubi Banca, che ha come maggiore azionista singolo la Fondazione Crc di Cuneo, è stata la blue chip con il maggiore rialzo (+3,93% rispetto a ieri), chiudendo la seduta con il prezzo di 2,939 euro. Diasorin, invece, è stata l'azione del paniere del Ftse Mib con il maggiore ribasso: -2,82%, a 113,7 euro. E po' meno peggio è andata alla Juventus, che ha perso l'1,53%, terminando le negoziazioni a 1,221 euro.
Quanto alle altre blue chip che fanno riferimento al Piemonte, ecco i loro risultati: Buzzi Unicem +0,38%, Cnh Industrial +1,83%, Exor +0,39%, Ferrari -0,61%, Fca -0,14%, Intesa Sanpaolo +0,11%, come Italgas.
Fuori dal listino principale, appunto quello costituito dalle 40 principali società che formano l'indice Ftse Mib (+0,74%), le quotate piemontesi che si sono distinte in modo particolare sono Pininfarina e Pattern, entrambe torinesi.
Pininfarina ha fatto registrare il balzo del 12,11%, settimo maggiore incremento di tutta Piazza Affari e il decimo è stato quello di Pattern (+7,42%). Così, l'ultimo prezzo di Pattern è risultato di 4,995 euro, il più alto da quando la società guidata da Luca Sburlati è entrata in Borsa, il 17 luglio scorso. La quotazione finale di Pininfarina, invece, è stata di 1,74 euro.

Nessun commento: