Borsa, volata di Prima Industrie: + 6,95%

Gianfranco Carbonato, presidente di Prima Industrie
Volata di Prima Industrie nell'ultima seduta borsistica della settimana. Oggi, 22 novembre, Prima Industrie, che ha come presidente operativo Gianfranco Carbonato, ha chiuso le negoziazioni a 16 euro esatti, il 6,95% in più rispetto a ieri e prezzo più alto da luglio. Nessun'altra quotata piemontese ha fatto meglio e, comunque, il suo è stato il quarto maggior rialzo odierno di tutta Piazza Affari.
Sul podio subalpino dei rialzi si sono piazzate anche Cofide e Diasorin. In particolare, Cofide, holding della Fratelli De Benedetti (i tre figli di Carlo), ha fatto registrare l'incremento del 4%, terminando così a 0,494 euro.
Quanto a Diasorin, l'ultimo prezzo della sua azione è stato di 119,1 euro, ancora superiore del 3,21% a quello di ieri. Il nuovo aumento è risultato il più elevato tra tutte le blue chip ed è stato tale da far segnare il nuovo massimo storico per l'impresa controllata e guidata dalla coppia Gustavo Denegri – Carlo Rosa.
La terza migliore perfomance del listino che forma l'indice Ftse Mib è stata di Ubi Banca, la cui azione è aumentata dell'1,43% a 2,981 euro.
Invece, la Juventus è risultata la blue chip con il secondo maggior ribasso della seduta, avendola terminata a 1,412 euro, in ribasso dell'1,43%.

Nessun commento: