Gros-Pietro spiega perché Intesa Sanpaolo dedica sette giorni all'Arte del risparmio

Il Gruppo Intesa Sanpaolo torna a proporre, per la Giornata mondiale del Risparmio, un ampio programma di eventi e iniziative, che si svolgeranno in molte città italiane e all’estero, nei Paesi dove la Banca è presente direttamente o attraverso le sue controllate.
Il programma va sotto il nome L’Arte del Risparmio, perché anche risparmiare è un’abilità che si può apprendere e che, come tutte le attività umane, può avere un risvolto creativo. L’idea l’ha lanciata il Museo del Risparmio, che ne ha fatto una missione educativa e ludica assieme, con attività per ogni fascia d’età e livello di preparazione, anche e soprattutto per chi parte da zero.
L’edizione 2019 vede il coinvolgimento di
Banca dei Territori, del polo museale delle Gallerie d’Italia e dell’Archivio Storico del Gruppo, con proposte distribuite su più città:Torino, Milano, Napoli, Vicenza, Padova e Trento.L’Arte del Risparmio, o meglio The Art of Saving, è diventato un atteso appuntamento anche in Albania (con Intesa Sanpaolo Bank Albania), Bosnia-Erzegovina (con Intesa Sanpaolo Bank BiH), Croazia (con PBZ), Egitto (con Alexbank), Russia (con Banca Intesa Russia), Serbia (con Banca Intesa Beograd), Slovacchia (con VUB), Ucraina (con Pravex Bank) e Ungheria (con CIB).
Sono i Paesi in cui la International Subsidiary Banks Division del Gruppo ha promosso l’evento e che, ogni anno, raccoglie adesioni entusiaste da parte di famiglie, scuole e volontari delle Banche locali che supportano il programma.
Il calendario completo dell’Arte del Risparmio è già online:
www.museodelrisparmio.it e www.gallerieditalia.com.
Gian Maria Gros-Pietro, presidente Intesa Sanpaolo
Il presidente di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro, ha sottolineato: “Con 9.743 miliardi di euro di ricchezza cumulata, gli italiani si confermano un popolo che l’arte del risparmio ce l‘ha nel Dna. Da alcuni anni abbiamo fatto la scelta di celebrare il 31 ottobre, Giornata mondiale del Risparmio, con una proposta che coinvolga un pubblico ampio, per ricordare che il risparmio sottintende avere fiducia nel futuro e progetti da realizzare. Da qui l’idea di proporre una settimana intera di eventi e iniziative in grado di avvicinare le persone alla gestione consapevole del denaro, non solo per se stessi ma anche per la comunità. Essere riusciti a coinvolgere nel progetto così numerose strutture e realtà del Gruppo, anche all’estero, ci riempie di soddisfazione”.
In particolare, a Torino, il Museo del Risparmio (Via San Francesco d’Assisi 8/A) propone attività didattiche e creative alle scuole di ogni grado e attività per adulti e per famiglie. Nella settimana dedicata all’Arte del Risparmio, i visitatori potranno effettuare un affascinante viaggio audiovisivo in tre tappe, in cui l’educazione al risparmio diventa memoria: i cartoni animati e i filmati educativi tra gli anni Quaranta e Ottanta; la pantomima del pedagogo francese Jaques Lecoq in Giorno di paga, diretta da Giulio Questi e interpretata, fra gli altri, da un giovanissimo Dario Fo; la video cronaca semi-seria del Congresso Nazionale delle Casse di Risparmio Italiane del 1954, tra interventi di autorevoli banchieri dell’epoca, sfilate di moda e gite fuori porta.
Dal 24 al 31 ottobre l’ingresso al Museo sarà gratuito.

Nessun commento: