Cirio: "già superiori ai dieci milioni di euro i danni causati dal maltempo in Piemonte"

Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte
all'ospedale Regina Margherita di Torino
Supera i dieci milioni di euro l'importo dei danni causati dal maltempo di questa “pazza estate piemontese”. Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, al termine dell'incontro ad Asti con i sindaci dei Comuni locali danneggiati. “I danni riguardano le aziende agricole, i privati e le amministrazioni pubbliche. Ed è un dossier che purtroppo stiamo implementando, settimana dopo settimana, perché, ancora ieri, nell'Albese si sono verificati danni enormi”, ha aggiunto Cirio che ha ribadito un primo stanziamento regionale di 2,5 milioni di euro ai piccoli Comuni.
Come riportato dall'Ansa Piemonte, Cirio ha sottolineato che “è necessario che anche Roma faccia la sua parte, così come la Regione fa la sua, per cui, oggi, chiediamo al Governo che si ricordi di noi. Tutto è sul tavolo della Presidenza del Consiglio dei ministri e su quello del ministero dell'Agricoltura, per la dichiarazione dello Stato di emergenza e della calamità naturale, passi necessari a ottenere gli aiuti che ci auguriamo possano arrivare già nelle prossime settimane”.
Precedentemente, il presidente della Regione Piemonte, con gli assessori all’Istruzione, Elena Chiorino e ai Bambini, Chiara Caucino, aveva partecipato all’avvio dell’anno scolastico ospedaliero nell’ospedale Regina Margherita di Torino.
Questo è un grande fiore all’occhiello del Piemonte e dimostra che abbiamo una sanità d’eccellenza” ha dichiarato Cirio, evidenziando che “ la Regione vuole favorire questo progetto e fare in modo che abbia strutture adeguate. La scuola in ospedale è un progetto ministeriale, ma possiamo favorirlo con strutture e spazi adeguati per la didattica. Verificheremo se nel progetto del Parco della Salute e dell’ospedale di Alba-Bra sono previsti spazi per questo”.
Cirio ha poi sostenuto che “il Piemonte è all’avanguardia e lo sarà ancora di più se ci riconosceranno l’autonomia che stiamo chiedendo, che significa poter incidere nei curriculum dei nostri ragazzi” e ha ringraziato il personale che si occupa della realizzazione del progetto, “perché sono le persone che fanno la differenza e noi abbiamo una scuola e una sanità di eccellenza perché in Piemonte abbiamo donne e uomini eccellenti”.
Le finalità della scuola, gestita dall’Istituto comprensivo Peyron-Umberto I di Torino, sono: garantire il diritto allo studio, contribuire al progetto di guarigione del bambino in situazione di malattia, arginare danni derivanti dal trauma provocato dalla malattia, assicurare continuità al processo educativo, ovviare a situazioni di emarginazione e di isolamento, favorire l’orientamento scolastico e professionale.

Nessun commento: