Riscatto della M&C di Carlo De Benedetti da cenerentola al maggior rialzo del giorno

Carlo De Benedetti
Da cenerentola a prima del listino, almeno oggi, 22 ottobre. M&C, la società torinese della quale Carlo De Benedetti ha la maggioranza assoluta, ha chiuso la seduta con il prezzo di 0,0626 euro, superiore dell'8,3% al precedente. E' stato il maggior rialzo di tutta la Borsa di Milano. E assume un rilievo ancora maggiore considerando sia che già venerdì aveva fatto registrare l'incremento del 6,25% sia che giovedì aveva invece toccato il suo minimo storico, crollando a 0,0542 euro.
Nella top ten dei rialzi di Piazza Affari oggi si è piazzata anche la Bim, la private bank subalpina guidata da Matteo Colafrancesco. L'ultimo prezzo della sua azione, infatti, è stato di 0,333 euro, il 4,39% in più rispetto alla fine della settimana scorso.
Le altre piemontesi che hanno aumentato il loro valore in Piazza Affari, nella seduta odierna, sono Cir (+3,45%), Basicnet (+3,37%), Fca Fiat Chrysler Automobiles (+2,98%), Damiani (+2,59%), Diasorin (+1,58%), Italgas (+1,57%), Centrale del Latte d'Italia (+1,49%), Buzzi Unicem (+0,91%), Exor (+0,63%), Sogefi (+0,88%), Iren (+0,62%), Prima Industrie (+0,42%) e Tecnoinvestimenti (+0,15%).
Invece, i maggiori ribassi sono stati fatti segnare da Fidia (-3,9%), Astm (-3,47%), Visibila Editore (-3,39%), Pininfarina (-3,33%), Sias (-1,83%) e Juventus (-1,58%). L'azione della società bianconera è tornato sotto l'euro, per la precisione a 0,998. E la Guala Closures ha ancora ritoccato il suo minimo terminando a 8 euro netti (-0,25%).

Nessun commento: