Le imprese meno puntuali nei pagamenti la Liguria dove i fornitori aspettano di più

Luigi Attanasio, nei presidente
Camera di commercio di Genova
con Paolo Odone, il predecessore
Imprese meno puntuali nei pagamenti dei fornitori. Anche nel Nord Ovest. Il fenomeno emerge dall'ultima rilevazione del Cribis, società del gruppo Crif specializzata nella business information. Alla fine di settembre, infatti, le aziende puntuali nei pagamenti dei fornitori sono risultate il 37% in Piemonte, il 36,9% in Valle d'Aosta e il 31,7% in Liguria. Tre mesi prima, il tasso di puntualità era più alto in tutte le tre regioni: 37,3% in Piemonte, 37,4% in Valle d'Aosta e 32,3% in Liguria.
In particolare, la quota della regione marittima è peggiore addirittura della media nazionale del 36,3%. Non sorprende, perciò, la constatazione che la Liguria presenti anche la percentuale maggiore di imprese più ritardatarie nei pagamenti dei fornitori: 11,3, a fronte dell'8,4% della Valle d'Aosta e l'8,7% del Piemonte (6,8% in Lombardia, dove le aziende puntuali sono il 45,8%).
Il peggioramento registrato nel Nord Ovest, nel terzo trimestre di quest'anno, è comune a buona parte del Paese, dove la media della puntualità dei pagamenti è diminuita di 1,9 punti rispetto al 30 settembre dell'anno scorso e dove, comunque, i fornitori aspettano ancora quasi tre mesi per incassare una fattura (per la precisione 82 giorni, in media; ma con punte di 127 giorni nella Sanità).
“Sono tempi di pagamento ben più lunghi della media europea e di molti Paesi a livello internazionale ed è per questo che le imprese, le Pmi in primis, sono costrette a un maggior ricorso al finanziamento del circolante, che difficilmente viene soddisfatto dai canali tradizionali” ha commentato Marco Preti, amministratore delegato di Cribis.
Fra l'altro, è aumentata anche la quota delle imprese che pagano i forntori con più di trenta giorni di ritardo, essendo risultata dell'11,3% mentre era del 10,5% alla fine di settembre dell'anno scorso. Dati che confermano la continuità delle difficoltà dell'economia nazionale.
Le regioni con le aziende più puntuali nei pagamenti dei fornitori sono il Veneto (46%), la Lombardia (45,8%) e l'Emilia-Romagna (45,6%); mentre le regioni con i più bassi tassi di puntualità sono la Sicilia (18,2%), la Calabria (20,9%) e la Campania (22,7%).

Nessun commento: