Borsa: quattro piemontesi ai loro minimi Toro per Bim, Borgosesia e Pininfarina

Urbano Cairo, presidente
Cairo Communication
Che botta in Borsa, oggi, 23 ottobre, per diverse piemontesi. Addirittura, quattro hanno fatto segnare i loro nuovi minimi dalla quotazione o degli ultimi cinque anni almeno: l'ultimo prezzo dell'azione Cairo Communication è stato di 2,685 euro, Guala Closures ha chiuso a 7,82 euro, Ki Group a 1,35 e Visibilia Editore a 0,054. Rispetto a ieri, Cairo Communication ha perso il 3,59%, Guala Closures il 2,25, Ki Group il 2,17 e Visibilia Editore il 5,26.
La classifica dei dieci maggiori ribassi odierni, però, è guidata dalla Sogefi (gruppo Cofide-Cir dei figli di Carlo De Benedetti). Sogefi, infatti, ha perso il 7,53%. Seguono, in graduatoria, oltre alle piemontesi già citate: Reply (-6,92%), Diasorin (-4,72%), Tecnoinvestimenti (-4,61%), Fidia (-4,43%), Prima Industrie (-4,16%), M&C (-4,15%) e Cnh Industrial (-3,50%), che chiude la bottom ten regionale.
Il podio piemontesi dei rialzi di oggi, invece, è stato conquistato dalla Bim Banca Intermobiliare (+4,53%), dalla Borgosesia (+4%) e dalla Pininfarina (+3,69%). Con segno più, comunque, anche Gedi (+0,88) tornata all'utile consolidato nei primi nove mesi di quest'anno, Intesa Sanpaolo (+0,03%) e la Juventus (+1,50%), risalita così sopra l'euro per azione e precisamente a 1,013.
Al terzo posto, però del listino Ftse Mib, che raggruppa le 40 principali società trattate in Piazza Affari, si è piazzata Fca Fiat Chrysler Auutomobiles, grazie all'aumento dell'1,27% della sua azione, che ha terminato la seduta borsistica a 14,018 euro, beneficiando dell'annuncio della vendita della Magneti Marelli.
L'indice Ftse Mib è sceso dello 0,86% a 18.802 punti. Più del Mib hanno perso anche le piemontesi Buzzi (-1,43%), Cir (-3,34%), Cofide (-1,92%), Dea Capital (-2,35%), Ferrari (-2,28%) e Italia Independent (-1,64%).

Nessun commento: