Carlo Robiglio confermato alla presidenza della Piccola Industria di Confindustria

Carlo Robiglio, al centro, con la sua squadra di Piccola Industria
Il Consiglio centrale di Piccola Industria di Confindustria ha confermato alla presidenza, per il secondo mandato, Carlo Robiglio, piemontese. Robiglio resterà in carica per il prossimo biennio, mantenendo di diritto la carica di vicepresidente di Confindustria.
Nel corso della riunione il Consiglio centrale ha eletto anche la nuova squadra dei vice presidenti composta da: Renato Abate (Lean Management e organizzazione aziendale), Alvise Biffi (Cyber Security e Startup), Angelo Camilli (Pmi e Mercato Appalti), Cinzia La Rosa (Internazionalizzazione, Nuova Imprenditoria e inclusione sociale), Diego Mingarelli (Europa, Sviluppo e Coesione Territoriale, Resilienza e Pge), Lorenzo Pagliuca (Fiscalità per la Crescita),
Maria Teresa Sassano (Turismo e Internazionalizzazione delle Filiere agroalimentari),
Monica Talmelli (Semplificazione), Giancarlo Turati (Welfare e Relazioni Industriali).
Il presidente Robiglio ha inoltre affidato alcune deleghe specifiche a componenti del Consiglio centrale: a Fausto Agostini l’Economia del Mare, a Giovanni Baroni l'Energia Sostenibile ed Economia Circolare, ad Aldo Ferrara la Finanza per la crescita e il coordinamento del Comitato Scientifico Consultivo Piccola Industria.
Torinese di nascita, ma novarese di adozione, Carlo Robiglio, laureato in Giurisprudenza alla Cattolica di Milano, è fondatore presidente e amministratore delegato della holding di partecipazioni Ebano, che opera principalmente nel settore editoriale e nella digital economy. Da aprile 2016 è consigliere di amministrazione e vicepresidente del Sole 24 Ore.

Nessun commento: