Torino, la mappa degli alloggi in affitto

A Torino il numero di alloggi che vengono affittati cresce ben di più di quelli che passano di proprietà. Il fenomeno emerge dall'analisi dei dati dell'Osservatorio del mercato immobiliare gestito dall'Agenzia delle Entrate e dall'Abi, l'associazione nazionale delle banche. Nel 2018, i nuovi contratti di locazione registrati ufficialmente a Torino sono stati 31.412, il 16,9% in più rispetto ai 26.871 del 2017. Le compravendite, invece, sono risultate 13.508 (+4,3%).
Il mercato torinese delle nuove locazioni è cresciuto di più, in termini percentuali, anche per il suo valore, dato che, l'anno scorso, ha sfiorato i 176 milioni, con l'incremento del 19,3% sul 2017.
Tutte le quattro tipologie di contratto hanno evidenziato aumenti. Gli alloggi affittati con contratto ordinario transitorio (durata da un anno a meno di tre) sono stati 5.446 (4.864 nel 2017) con canone complessivo di 31,5 milioni di euro (28,1), quelli con contratto ordinario di lungo periodo (durata di oltre tre anni) 13.969 (11.181), per complessivi 80,7 milioni (62,1). Entrambi sono contratti non agevolati.
Invece, i contratti agevolati per studenti sono stati 2.697 (2.386 nel 2017) e il loro canone totale pari a 16,1 milioni di euro (14,4) e quelli agevolati a canone concordato, relativi ad abitazioni che si trovano in Comuni ad alta tensione abitativa, sono ammontati a 9.309 (8.440), il cui valore è salito a 47,6 milioni dai 42,8 dell'anno precedente.
Per gli alloggi affittati agli studenti il canone medio annuo è risultato di 76,9 euro a metro quadrato, a fronte dei 67,8 euro del canone concordato, gli 86,7 euro dei contratti ordinari di lungo periodo e gli 87,2 euro per quelli transitori.

Nessun commento: