Ki Group: "rosso" il bilancio al 31 marzo

Daniela Santanchè, presidente Ki Group
Con il voto contrario di due componenti, il consiglio di amministrazione di Ki Group Holding, quotata torinese presieduta da Daniela Santanchè, ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2019 del Gruppo, il cui perimetro include le controllate Ki Group (distribuzione di prodotti biologici e naturali), La Fonte della Vita (produzione di alimenti biologici vegetali sostitutivi di carne e formaggio), Organic Oils Italia (produzione e commercializzazione di oli alimentari da agricoltura biologica) e Organic Food Retail (in liquidazione).
I ricavi consolidati sono ammontati a 9,2 milioni (11,2 al 31 marzo 2018); il mol è risultato negativo per 0,4 milioni, mentre era positivo per 0,2 milioni a fine marzo dell'anno scorso; come negativa, per 6,1 milioni è risultata la posizione finanziaria netta. La perdita consolidata è stata di 0,5 milioni, a fronte del pareggio emerso alla stessa data dell'anno scorso.
“Tenuto anche conto dell’andamento del Gruppo, per effetto dell’attuale andamento del mercato di riferimento e della prevista variazione del perimetro di consolidamento, le stime per gli esercizi 2019-2021 comunicate al mercato in data 24 settembre 2018 devono ritenersi non più valide” è stato comunicato dalla società, che “provvederà ,nel prossimo futuro, a un aggiornamento del proprio piano industriale.
Con riferimento alla sola capogruppo Ki Group Holding, è stato ricordato che, per effetto della perdita di esercizio consuntivata al 31 dicembre 2018 pari a7,3 milioni, il patrimonio netto al 31 dicembre 2018 risultava negativo per 4,9 milioni. Sulla base di una situazione contabile infrannuale al 31 marzo 2019, gli amministratori hanno accertato che il patrimonio netto della società “risulta ricostituito e ammontante a 6,8 milioni. Gli amministratori, pertanto, riconfermano di poter ritenere integralmente ripianate, a oggi, le perdite pregresse consuntivate al 31 dicembre 2018 e sono confidenti che il patrimonio netto della società permarrà positivo al 31 dicembre 2019”.
A tale riguardo, è stato precisato che il risultato netto di 11,8 milioni conseguito dalla Ki Group Holding al 31 marzo 2019 risente di un provento di 11,8 milioni generato dall’operazione di conferimento del ramo d’azienda operativo nella controllata Ki Group”.
Con effetto 28 febbraio 2019, infatti, risultano essere state conferite in capo alla controllata Ki Group passività nette per complessivi 4,8 milioni, a fronte dell’avvenuta sottoscrizione di un aumento di capitale della controllata per 7,0 milioni.

Nessun commento: