Guala Closures punta su Scozia e whisky compra impresa di tappi per superalcolici

Marco Giovannini, presidente
Guala Closures
Guala Closures, l'impresa alessandrina di Spinetta Marengo, leader mondiale nella produzione e vendita di chiusure in plastica e alluminio per l’industria delle bevande, ha acquisito dal gruppo inglese Rpc l’intero capitale sociale di United Closures and Plastics (Ucp), produttore scozzese di chiusure specializzato, in particolare, nel settore dei superalcoolici.
Questa operazione consente al gruppo Guala Closures di ampliare la propria presenza nel mercato scozzese estendendo le attività commerciali e i processi di innovazione e produzione. Infatti, potrà consolidare la propria collaborazione con le multinazionali degli spirits che operano in Scozia e, in particolare, con quelle del whisky, uno dei segmenti più importanti nel mercato dei superalcolici. La transazione, inoltre, accelererà il processo di riorganizzazione degli assetti industriali avviato dal Gruppo nel 2018, per conseguire una maggiore efficienza produttiva.
“Dopo la conclusione delle attività corporate che hanno coinvolto Guala Closures nel 2018 e il rafforzamento della struttura patrimoniale attraverso il rifinanziamento, il Gruppo torna a focalizzare la propria attenzione sul core business, lavorando sia per supportare il trend di crescita del fatturato sia per migliorare la profittabilità e, attraverso questa, la generazione di cassa” ha sottolineato Marco Giovannini, presidente e azionista del Gruppo.
Ucp è, da sempre, fornitore dei brands Johnnie Walker Red e Black, vantando rapporti consolidati con altre grandi marche quali Buchanan’s, Beefeater e Captain Morgan. Con circa 330 dipendenti, Ucp è in grado di produrre annualmente circa 1,3 miliardi di pezzi, di cui 1,2 miliardi di chiusure e 0,1 miliardi di flaconi in pet, grazie allo stabilimento di Bridge of Allan, nelle vicinanze di Edimburgo, oggetto della transazione. Quest'anno i suoi ricavi ammontano a 44,8 milioni di sterline ( +9,3% rispetto ai 40,9 milioni dell’esercizio precedente) e il suo mol risulta di 3,5 milioni.
Il closing dell’operazione è avvenuto il 12 dicembre e l’impegno finanziario di 17,8 milioni di sterline è stato finanziato, per un importo pari a 10 milioni, attraverso la rcf multicurrency a disposizione del Gruppo, non ancora utilizzata e, per l’ammontare residuo, attraverso l’impiego di parte delle disponibilità di cassa.

Nessun commento: