Borsa: due piemontesi prime per rialzo Buzzi tra le big, Borgosesia in assoluto Record negativi per M&C, Guala, Damiani

Buzzi Unicem e Borgosesia. Due piemontesi al primo posto, oggi 14 novembre, per i maggiori rialzi alla Borsa di Milano. Buzzi Unicem ha chiuso la seduta odierna a 16,875 euro, con l'incremento del 2,74% rispetto a ieri, il tasso più elevato del paniere Ftse Mib, che rappresenta le 40 principali quotate a Piazza Affari (ieri, il primato era stato di Fca con l'aumento del 4,08%). A sua volta, l'azione ordinaria della biellese Borgosesia ha fatto registrare la crescita del 14,04% del suo prezzo (0,65 euro), l'incremento più alto di tutta la Borsa.
A fronte delle due primatiste della giornata, però, si trovano altre tre piemontesi tra le dieci quotate con i maggiori ribassi in assoluto. Si tratta della torinese M&C (-14,83%), dell'alessandrina Guala Closures (-10,33%) e della Borgosesia risparmio (-21,08%).
Il prezzo della M&C di Carlo De Benedetti è precipitato a 0,0402 euro, il suo più basso di sempre. Record storici negativi, oggi, anche per Guala Closures (6,6 euro), Fidia (4,9 euro) e Damiani (0,84 euro).
Comunque, con ribassi superiori all'1% hanno terminato le contrattazioni anche Astm (-1,98), Autogrill (-1), Bim (-3,73), Basicnet (-2,07), Cir (-1,27), Cnh Industrial (-1,45), Fca (-1), Gedi (-1,10), Intesa Sanpaolo (-1,18), Iren (-1,54), Italgas (-1,72), Italia Independent (-2,07), Prima Industrie (-5,94), Sias (-1,35), Tinetxa, ex Tecnoinvestimenti (-2,36). Il Ftse Mib ha perso lo 0,78%.
Le piemontesi che hanno chiuso la seduta odierna con segno positivo, oltre a Buzzi Unicem e Borgosesia ordinaria, sono state Cairo Communication (+1,34%), Cdr Advance Capital (+1,01%), Centrale del Latte d'Italia (+1,47%), Cofide (+0,34%), Conafi (+0,81%), Cover50 (+1,21%), Exor (+0,19%), Reply (+0,97%) e Sogefi (+1,76%).
Posta un commento