Presidenti, nuovi e no

IL BANCHIERE BEPPE GHISOLFI (CRF)
AMBASCIATORE DEI CONSUMATORI”
Periodo d'oro per il cuneese Beppe Ghisolfi. Interviste anche alle Tv nazionali, inviti da ogni parte d'Italia, numerosissime partecipazioni da protagonista a convegni e incontri, premi, riconoscimenti e, sabato 16 dicembre, nel municipio di Cuneo, il titolo di “Ambasciatore dei consumatori”, conferitogli dal comitato locale.
Grand Ufficiale della Repubblica, Beppe Ghisolfi è presidente della Cassa di Risparmio di Fossano da vent'anni. Ma questo è soltanto uno dei suo tanti incarichi di vertice, a partire dall'Acri e l'Abi. Instancabile, onnipresente, poliedrico. E' stata direttore di radio, giornali e televisioni. Ha scritto un “Manuale di educazione finanziaria” dall'incredibile successo. E sta per pubblicare un'altra opera, questa volta dedicata ai banchieri. Ne è già uscita un'anticipazione, con notevole evidenza.
Nato a Cervere nel 1949, Beppe Ghisolfi ha la cittadinanza onoraria di Fossano. E' uno dei personaggi più in vista del Cuneese.
Beppe Ghisolfi, presidente Cassa Risparmio Fossano


LUCA CROSETTO AL VERTICE
DI CONFARTIGIANATO CUNEO
Cuneese, ma di Marene, è anche Luca Crosetto, 47 anni, eletto, pochi giorni fa, presidente della Confartigianato provinciale, l'associazione più rappresentativa delle piccole imprese locali e la seconda maggiore in Italia, contando oltre 9.200 iscritti. Con Luca Crosetto, che è anche presidente di Arproma (Associazione revisori e produttori di macchine agricole) e vice di Ueapme (Unione europea dell'artigianato e delle piccole e medie imprese), sono stati eletti vice presidenti della Confartigianato di Cuneo il vicario Giorgio Felici e Daniela Balestra.
Luca Crosetto, presidente Confartigianato Cuneo


IL PINEROLESE ANTONIO PIRONTI
PRENDE IL TIMONE DI PERMICRO
Nuovo presidente a PerMicro, leader del microcredito in Italia. A subentrare a Corrado Ferretti, rimasto in carica per dieci anni, quindi dalla fondazione della società torinese, è Antonio Pironti, che può vantare una lunga e prestigiosa carriera nello storico “San Paolo”, in Italia e, soprattutto, negli Stati Uniti. Pinerolese, Antonio Pironti, laureatosi in Economia nel 1973, si è poi specializzato alla Anderson School Ucla di Los Angels, metropoli dove, fra l'altro, ha vissuto per oltre trent'anni ed è stato responsabile della finanza della First Los Angeles Bank, istituto allora controllato dal colosso creditizio di Piazza San Carlo.
PerMicro, 14 filiali dislocate nelle principali città italiane, una sessantina di dipendenti, ha come soci maggiori: Bnl-Paribas (20,4% del capitale), Fondazione Sviluppo e Crescita Crt (9,7%), la Compagnia di San Paolo (7,8%), Finde, la fondazione di Gustavo Denegri (10,8%), Banca Alpi Marittime e la Fondazione Paideia della famiglia Giubergia (10,1%), promotrice di PerMicro, insieme con Oltre Venture, nel 2007. Da allora, Per Micro ha finanziato oltre 14.800 famiglie e 2.700 piccole imprese, erogando più di 123 milioni di euro.



GIAN MARIA GROS-PIETRO: CON MILANO
COLLABORAZIONE, SENZA SUDDITANZA”
“Sono ottimista. Torino ha un potenziale enorme, essendo la capitale italiana della capacità applicata”. E' una delle risposte date da Gian Maria Gros-Pietro, presidente di Intesa San Paolo e di Astm-Autostrada Torino Milano (gruppo Gavio), al giornalista Mario Imarisio, autore dell'interessante intervista pubblicata sull'edizione torinese del Corriere della Sera.
Fra l'altro, Gian Maria Gros-Pietro ha detto che considera Torino “come la Boston italiana. Siamo titolari di eccellenze che non esistono altrove. Tecnologia informatica, Big Data e tutte le specializzazioni del nostro Politecnico, che sono di punta”.
Torinese doc, Gian Maria Gros-Pietro, sostiene che il capoluogo piemontese non può mettersi in concorrenza con Milano né porsi come sua alternativa, perché – ha ribadito a Mario Imarisio - “c'è troppa differenza tra le due realtà... E se la competizione non ha senso, allora deve esserci collaborazione”. Senza complessi d'inferiorità e senza sudditanza”.
Gian Maria Gros-Pietro, presidente Intesa Sanpaolo


BURGIO: A 1,21 MILIARDI
IL FATTURATO ALPITOUR
A Giorgio Lonardi di Repubblica, invece, Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato di Alpitour, ha anticipato che “il bilancio chiuso il 31 ottobre 2017” è il migliore di sempre per il gruppo piemontese, tour operator leader nazionale: il giro d'affari è stato di 1,212 miliardi di euro (+6,7% rispetto all'esercizio finito il 31 ottobre 2016) e il margine operativo lordo è aumentato del 25% a circa 46 milioni. Inoltre, Alpitour ha portato al 24% la sua quota di mercato.
Nell'intervista pubblicata su “Affari&Finanza”, Gabriele Burgio ha ricordato che, pochi mesi fa, nel capitale di Alpitour, società destinata alla quotazione in Borsa, è entrata Asset Italia, promossa dalla Tip di Giovanni Tamburi, che ne ha rilevato il 32,6% investendo 120 milioni.
Gabriele Burgio, presidente e ad Alpitour


I COSTRUTTORI EDILI TORINESI
S'AFFIDANO AD ANTONIO MATTIO
Antonio Mattio, classe 1964, a capo della Pianel, impresa di famiglia, è il nuovo presidente del Collegio costruttori edili di Torino, del quale è stato vice presidente e membro del consiglio direttivo. E' subentrato a Alessandro Cherio, rimasto al vertice per nove anni.
Antonio Mattio assume il massimo incarico della categoria quando la crisi del settore, la più grave del dopoguerra, è ancora forte, in provincia: i lavori edili sono diventati 9.200, la metà di quelli che erano nel 2008 e, nello stesso periodo, il numero delle imprese è sceso da 4.335 a 2.450.
Secondo lui, però le possibilità di migliorare la situazione non mancano, come ha spiegato a Enrico Romanetto di CronacaQui: occorre che le amministrazioni facciano ripartire le manutenzioni, oltre che completare la linea della metropolitana, andare avanti con la Torino-Lione e realizzare il Parco della Salute. A proposito di quest'ultimo, va aggiunto che l'Ordine dei medici di Torino ha confermato alla sua presidenza Guido Giustetto.
Antonio Mattio, presidente Ance Torino


I FARMACISTI DI IMPERIA
CONFERMANO NUVOLONI
A essere confermato è stato anche Franco Nuvoloni, rieletto presidente dell'Ordine dei farmacisti della provincia di Imperia. Inizia così il suo terzo mandato consecutivo. Vice sindaco di Riva Ligure, comune del quale è stato anche primo cittadino, Franco Nuvoloni è titolare della farmacia della cittadina del Ponente Ligure. Confermati pure il segretario Piero Rovida, che gestisce la farmacia di Pornassio, nell'entroterra di Imperia e il tesoriere Alessandro Goso (Vallecrosia).
E' nuovo, invece, il vice presidente dell'Ordine: Graziano Colombo, dell'omonima farmacia di Sanremo. 

Nessun commento: