Protagonisti alla ribalta

FERRUCCIO LUPPI
Manager torinese di lungo corso, Ferruccio Luppi è stato chiamato da Guido Giubergia a condividere la tolda di comando di Ersel Investimenti, la holding a capo dell'omonimo gruppo di piazza Solferino, uno dei principali gestori di patrimoni in Italia. Ferruccio Luppi è stato nominato amministratore delegato, lo stesso incarico che mantiene Guido Giubergia, nipote del fondatore dell'Ersel, le cui origini risalgono a oltre ottant'anni fa.
Nato sotto la Mole, il 3 novembre del 1950, laureato in Economia e commercio, Ferruccio Luppi ha incominciato la carriera in Ifil, la finanziaria del gruppo Agnelli poi fusa in Exor. In Ifil ha lavorato dal 1973 al 1996, con responsabilità crescenti, diventando prima responsabile del controllo e delle partecipazioni, poi anche dello sviluppo. E' stato uno dei principali collaboratori di Umberto Agnelli e Gabriele Galateri, l'attuale presidente delle Generali. Nel 1997 è stato inviato nella controllata francese Worms dove è stato direttore generale.
In seguito ha fatto parte della squadra di Sergio Marchionne: fra l'altro, è stato consigliere di amministrazione di Comau, Magneti Marelli Ferrari, oltre che presidente di Fiat Avio Partecipazioni e Fiat Powertrain Technologies. Uscito dal colosso italo-statunitense presieduto da John Elkann, prima di approdare in Ersel, ha avuto il timone di Azimut-Benetti, il leader mondiale dei grandi yachts della famiglia Vitelli.
Ferruccio Luppi, nel consiglio di amministrazione di Ersel Investimenti (100% della famiglia Giubergi-Argentero) dove già si trovava prima della promozione a co-amministratore delegato, affianca il presidente Bruno Argentero, il vice presidente Antonio Scalvini e i consiglieri Mario Mauro, Daniela Argentero, Paola e Francesca Giubergia, oltre che Guido Giubergia, il numero uno del Gruppo che gestisce asset per oltre15 miliardi.
Ferruccio Luppi, ad Ersel Investimenti
LUCA COLOMBANO
Dal 20 novembre, Luca Colombano è il nuovo direttore commerciale delle società assicurative italiane Uniqa, le quali dal 16 maggio fanno parte di Reale Group, che le ha acquisite. Luca Colombano aggiunge il nuovo incarico a quelli che già svolge e cioè sia di direttore centrale Commerciale e Mercato di Italiana Assicurazioni sia di amministratore delegato di Italnext, entrambe controllate da Reale Mutua.
Luca Colombano ha il compito di collaborare con Michele Meneghetti, amministratore delegato di Uniqa Assicurazioni e Uniqa Previdenza, oltre che presidente del Consiglio di gestione di Uniqa Life, per favorire l'integrazione delle diverse culture aziendali e le migliori condizioni dell'ulteriore crescita delle società Uniqa.
Torinese, classe 1973, sposato, tre figli, laurea in Economia e Business administration sotto la Mole, poi specializzazioni a Colonia, Monaco di Baviera, Londra, Parigi e Milano, presso calibri quali Munich Re, Lloyd's e Partner Re, Luca Colombano è entrato in Reale Group nel 1998, assunto come impiegato alla Reale Assicurazioni. Grande atleta (triathlon, golf, running), ma anche fortemente impegnato nel sociale: fra l'altro, ha costituito la Fondazione Amici di Jean, onlus che ha la finalità di contribuire al miglioramento delle condizioni degli ammalati di cancro.

Luca Colombano, direttore commerciale Uniqa
UMBERTO TOSONI
Un altro incarico, che rappresenta anche un'ulteriore promozione, per Umberto Tosoni, all'interno del gruppo Gavio, nel quale è entrato nel 2004 e da allora ha continuato ad avere sempre maggiori responsabilità. Umberto Tosoni, infatti, è stato cooptato nel Consiglio di amministrazione di Astm – Autostrada Torino Milano, società del Gruppo alessandrino presieduta da Gian Maria Gros-Pietro e quotata alla Borsa di Milano, come la Sias (tra l'altro, a quando la fusione tra le due?).
Proprio della Sias, la holding che detiene le partecipazioni del gruppo nel settore delle concessioni autostradali, dove l'impresa dei Gavio è il quarto maggior opetratore al mondo, Umberto Tosoni è il direttore generale da oltre due anni; mentre, dalla scorsa primavera, è amministratore delegato sia della Sitaf sia della Satap e, da ancora prima, della Sav e dell'Autostrada Asti-Cuneo. Fino all'aprile scorso, inoltre, è stato amministratore delegato dell'Autostrada dei Fiori e dell'Autostrada Torino-Savona, diventate ora un'unica società. Delle imprese operative targate Gavio, che non guida direttamente, comuque Umberto Tosini è consigliere. Fra l'altro, è presidente della Baglietto, società cantieristica ch è stata rilevata da Gavio e della quale è stato amministratore delegato.
Nato nel 1975 a Roma, dove si è laureato in Ingegneria gestionale con specializzazione nella Pianificazione dei trasporti, Umberto Tosoni è entrato nel gruppo Gavio dal 2004. Precedentemente ha lavorato, subito dopo essere uscito dall'Università, nell'attuale Eems, l'ex Texas Instruments, operante nel settore dei semiconduttori.
Umberto Tosoni (gruppo Gavio)
GIANNI ROLANDO
Il sanremese Gianni Rolando è il nuovo presidente della Federazione ligure degli ingegneri, organismo che conta 7.200 iscritti e i quattro ordini provinciali della regione, cioè quelli di Genova, Savona, La Spezia e Imperia. Gianni Rolando, 62 anni, è già stato presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri, per tre anni e, per altri tre, vice presidente dello stesso. Precedentemente, dal 1994 al 2006, è stato presidente dell'Ordine di Imperia.
Gianni Rolando, nato a Genova e laureato in Ignegneria nel 1970, è un esponente di spicco della categoria alla quale appartiene, ma anche del sistema economico e istituzionale del Ponente Ligure. Fra l'altro, è stato al vertice dell'Amaie, municipalizzata operante nei settori dell'acqua e dell'energia.
Gianni Rolando, presidente Ingegneri liguri

Nessun commento: