Notizie | 17 marzo 2023, 15:32

In vacanza sulla neve 12 milioni di italiani

Giro d'affari per 9,6 miliardi - Piemonte sul podio nazionale - I risultati dell'indagine di Federalberghi

In vacanza sulla neve 12 milioni di italiani

Tanta voglia di settimana bianca o comunque di una vacanza sulla neve, anche solo per un fine settimana. Gli italiani tornano sugli sci dopo le interruzioni forzate della pandemia e il movimento turistico dei nostri vacanzieri nei primi tre mesi di questo 2023 è forse il più significativo, tanto da superare i numeri del 2019.

Si scia soprattutto sulle nostre cime, tra Alpi - in testa Val d’Aosta, Trentino-Alto Adige, Piemonte – e Appennini, seppure in misura minore.

A meno di un mese dalle festività pasquali, anche marzo rappresenta una buona occasione di programmazione per il turismo invernale.

Solo una minima parte degli sciatori ha optato per una località straniera: le mete preferite restano quelle italiane e ci si divide tra attività sportive, relax, passeggiate e buon cibo da gustare con le specialità caratteristiche del luogo.

Tutto questo con una spesa media di 751 euro a persona per un giro di affari di 9,6 miliardi di euro.

“Stiamo davvero assistendo a una ripresa, a dispetto di condizioni non sempre favorevoli” ha commentato il presidente di Federalberghi, il torinese Bernabò Bocca, analizzando i dati dell’indagine realizzata per la federazione da Acs Marketing Solutions.

“Che ci sia un rialzo dei prezzi incontrollato e che si debba combattere contro l’inflazione non è un mistero per nessuno – ha aggiunto Bocca - Ma ciò non è stato sufficiente a scoraggiare gli italiani, che hanno messo in gioco i propri risparmi per fare una vacanza sulla neve, più o meno prolungata.

Di fronte a questo entusiasmo che fa ben sperare, l’unico nemico per il turismo invernale resta il clima: abbiamo vissuto momenti drammatici in cui sugli Appennini non vi era traccia di neve e anche sulle Alpi si è tremato. Su questo bisognerà lavorare”.

Bocca ha concluso: “ Le nostre montagne sono un autentico brand e la stagione invernale deve essere protetta a tutti i costi. Facciamo in modo che i problemi diventino opportunità: è fondamentale operare uno sforzo comune per vitalizzare e di implementare l’attrattività di questi luoghi con iniziative nuove e politiche mirate. Solo così non saremo più prigionieri delle condizioni del tempo”.

Ed ecco i principali risultati dell'indagine realizzata per Federalberghi.

Sono quasi 12 milioni gli italiani che hanno trascorso o trascorreranno una vacanza sulla neve tra gennaio e marzo 2023. Di questi, 6,9 milioni hanno effettuato o effettueranno la classica settimana bianca, mentre circa 5,1 milioni hanno scelto di concentrare le proprie vacanze nei week end.

Il giro di affari complessivo risulterà pari a 9,6 miliardi di euro, di questi, 5,2 miliardi sono relativi alle settimane bianche e 3,8 miliardi ai week end.

Il 96,5% degli intervistati ha scelto di trascorrere la settimana bianca in Italia. Le regioni più gettonate sono, a pari merito, Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige (entrambe con il 13,4% della domanda), seguite da Piemonte (12,9%), Lombardia (10,2%) e Abruzzo (9,9%). Nel complesso, il 67,7% sceglie le Alpi, mentre il 25,8% gli Appennini.

La spesa pro capite sostenuta per la settimana bianca, comprensiva di tutte le voci (trasporto, alloggio, cibo, impianti, corsi di sci e divertimenti) è pari a 751 euro per persona. La prima voce di spesa è quella per i pasti (29,9%), seguita dal pernottamento (29,7%) e dal viaggio (20,2%).

Al momento di scegliere l’alloggio per la settimana bianca, gli italiani confermano la predilezione per l’albergo (27,9%), seguito dalla casa di parenti e amici (21,0%). Seguono i bed & breakfast (14,0%) e il rifugio alpino (12,9%).

I vacanzieri continuano a preferire le prenotazioni dirette: il 59,7% ha prenotato la settimana bianca contattando direttamente la struttura ricettiva; il 33% lo ha fatto tramite il sito internet dell’albergo, mentre il 26,7% ha utilizzato il telefono e la posta elettronica.

I criteri che guidano la scelta della località sono: la sua bellezza naturale (49,5%) e le caratteristiche che la rendono ideale per riposarsi (20,7%). Infatti, le principali attività svolte durante questo periodo di vacanza sono: attività sportive (50,8%), relax (50,3%) e passeggiate (39,2%).

Dei 6,9 milioni di italiani che hanno fatto o faranno una settimana bianca, 524 mila si concederanno inoltre almeno un week end sulla neve generando un giro di affari di 595 milioni.

I 5,060 milioni di vacanzieri del fine settimana rimarranno in Italia, scegliendo principalmente la Lombardia (18,9%), il Piemonte (13,5%), il Veneto e l’Abruzzo (entrambi con il 10,3%). Il 67,7% dei vacanzieri sceglierà le Alpi, il 25,8% gli Appennini.

La spesa pro capite sostenuta per i week end sulla neve, comprensiva di tutte le voci (trasporto, alloggio, cibo, impianti, corsi di sci e divertimenti) sarà pari a 403 euro per persona. La prima voce di spesa è quella per i pasti (27,9%), seguita dal viaggio (20,3%) e dal pernottamento (20,1%)

L’alloggio preferito in questo caso è la casa di parenti e amici (30,2%), seguita dall’albergo (26,7%), dai bed & breakfast (24,6%) e dal rifugio alpino (7,8%).

Anche in questo caso gli italiani per prenotare hanno contattato direttamente la struttura ricettiva (51%): il 17,7% lo ha fatto tramite il sito internet dell’albergo, mentre il 33,3% ha utilizzato il telefono e la posta elettronica. Tra i criteri che guidano la scelta, oltre alla sua bellezza naturale (47,7%) troviamo la possibilità di praticare sport che offre la località (41,3%).

Il 66,9% dei vacanzieri del fine settimana ha rinunciato alla settimana bianca a causa dell’aumento dei prezzi.

Tra gli individui intervistati che non andranno in vacanza, il 52,7% ha rivelato di non partire per motivi economici; il 21,6% per l’aumento dei prezzi e un altro 16,1% per motivi familiari.