Notizie | 06 marzo 2023, 13:01

Hotel di lusso, Riviera dei Fiori nella top 15

Capri in testa alla classifica nazionale, seguita da Ischia e dalla Penisola Sorrentina

Immagini di Sanremo

Immagini di Sanremo

Grazie anche alla sua lunghissima storia turistica, l’Italia vanta un’offerta della ricettività di alto livello. Ma il segmento del lusso alberghiero non si ferma solo alla ricettività: oltre al pernottamento, questa tipologia di turismo richiede servizi che siano all’altezza della domanda e per questo alcune destinazioni turistiche hanno abbracciato la connotazione di destinazioni luxury.

In Italia, nel 2021 si contavano 98.118 posti letto in hotel a 5 stelle e 5 stelle Lusso, un’offerta che rappresenta circa il 4% sul totale dei posti letto alberghieri.

Non tutte le destinazioni turistiche, però, offrono una ricettività di fascia alta, anzi: delle circa duecento località turistiche classificate, ben 102 non hanno nemmeno un posto letto in fascia 5 stelle/5 stelle lusso.

Per capire quali siano realmente le destinazioni turistiche italiane luxury è stata calcolata la concentrazione della ricettività alberghiera di lusso in rapporto all’estensione geografica della destinazione.

E quella che emerge è un’Italia con due poli opposti: le top luxury destinations sono principalmente in Campania e Toscana, la montagna e le aree interne sono poco rappresentate, mentre il balneare monopolizza la classifica.

Al primo posto si trova Capri: l’isola più famosa d’Italia ha un’estensione di soli 10,4 km2 ma offre ben 1.023 posti letto in strutture di fascia alta. È la destinazione con il più alto indice di concentrazione geografica di posti letto in strutture ricettive di lusso e anche quella con la maggior concentrazione relativa: i posti letto luxury pesano per ben il 13% del totale.

Ma il primato campano non è solo legato a Capri: l’intero podio è occupato da mete della regione. Infatti, al secondo posto della classifica, anche se molto distante dal primo, c’è Ischia, con 1.482 posti letto luxury su un territorio di 46,3 km2, seguita poi dalla Penisola Sorrentina con 1.763 posti letto luxury su 73,00 km2. E la Costiera Amalfitana è al sesto posto.

La classifica, dunque, premia la Campania come la regione che meglio rappresenta le destinazioni di lusso italiane, ma lo fa con un prodotto sostanzialmente monotematico: senza dubbio, le destinazioni citate soddisfano una grande varietà di “turismi” differenti, ma di base parliamo sempre di destinazioni balneari.

Per la Toscana, invece, la situazione è più diversificata: nella top 20 italiana, la Toscana è rappresentata da una destinazione culturale (Firenze), una destinazione paesaggistica-termale (Valdinievole) e due destinazioni balneari (Versilia e Isola d’Elba).

Una nota particolare è dedicata a Firenze: nonostante sia percepita dai turisti come una meta lussuosa, in tema di hotellerie di lusso è ben lontana da Milano, Venezia e Roma, forse perché maggiormente coinvolta nella ricettività cosiddetta “non ufficiale”, che comunque ha una rilevante offerta nel segmento lusso.

Comunque, quello che si nota in questa classifica è che le destinazioni luxury italiane sono soprattutto balneari: considerando solo la top 20, ben 13 sono riviere o isole. In ordine: Capri, Ischia, Penisola Sorrentina, Costiera Amalfitana, Golfo del Tigullio, Costa Rei, Costa Smeralda, Costa Paradiso, Versilia, Arcipelago Siciliano, Isola d’Elba, Riviera dei Fiori e Costa degli Aranci.

Il legame tra hotellerie di lusso e mare, dunque, è molto forte, nonostante questa tipologia di destinazione sia tradizionalmente legata a una stagionalità dei flussi (a volte anche importante).

Le aree interne, invece, sono poco presenti e sono rappresentate solo dalle destinazioni legate al turismo termale: Abano e Montegrotto Terme, la già citata Valdinievole, Montecatini e Monsummano Terme.

E le destinazioni montane? Come non pensare, ad esempio, a Cortina D’Ampezzo, che è da sempre il simbolo del lusso e dell’esclusività nel turismo? In realtà è fuori classifica; Cortina D’Ampezzo, infatti, fa parte dell’area turistica delle Dolomiti Venete (denominate anche “le montagne di Venezia”) ma è l’unico comune in tutta l’area a offrire posti letto in strutture alberghiere 5 stelle e 5 stelle lusso (offre ben 927 posti letti in hotel di fascia alta in un’area di ben 252,8 km²).