Notizie | 05 marzo 2023, 10:27

Torino, convenzione Cdc-Corpo Consolare

Torino, convenzione Cdc-Corpo Consolare

Dario Gallina, presidente della Camera di commercio di Torino e Ioana Gheorghias, decano del Corpo Consolare di Torino e Console Generale di Romania per Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, hanno firmato il protocollo di intesa finalizzato a incentivare la cooperazione economica e culturale tra i diversi Paesi rappresentati dal Corpo Consolare di Torino e il Piemonte e la Valle d’Aosta.

Il Corpo Consolare di Torino riunisce 47 consolati, dei quali 43 attivi, composti da tre consoli generali (Marocco, Perù e Romania) e 40 tra consoli generali onorari e consoli onorari.

Oltre ai compiti di assistenza ai cittadini dei rispettivi paesi sul nostro territorio, i consoli rappresentano un tramite con le istituzioni locali e sono investiti anche di funzioni culturali e commerciali.

Ha spiegato Dario Gallina: “Attraverso questa collaborazione, costruiremo occasioni di business e incontri btob aperti alle aziende di tutti i settori, grazie al supporto del Corpo Consolare che può contare su contatti e relazioni strategiche con i diversi Paesi stranieri”.

Il Corpo Consolare di Torino rappresenta i seguenti Paesi: Austria, Belgio, Benin, Bulgaria, Burkina Faso, Capo Verde, Cile, Colombia, Costa d’Avorio, Costa Rica, Danimarca, El Salvador, Etiopia, Ecuador, Filippine, Finlandia, Francia, Ghana, Grecia, Haiti, Lituania, Lussemburgo, Malawi, Marocco, Messico, Moldova, Mozambico, Myanmar, Norvegia, Paesi Bassi, Panama, Perù, Polonia, Portogallo, Principato di Monaco, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, Ruanda, San Marino, Spagna, Svezia, Thailandia, Ucraina, Ungheria, Vietnam, Zambia.

In città dove sempre più si concentrano persone che provengono da Paesi diversi e in società complesse, orientate a intense relazioni internazionali di natura economica, culturale e politica, i consolati assumono un’importanza sempre più rilevante. Con la loro attività concorrono, in concerto con i Governi e le Ambasciate che rappresentano, al mantenimento delle relazioni interstatali, ma anche - e soprattutto - agiscono da tramite sia delle relazioni economiche e culturali con il contesto territoriale in cui operano, sia nella promozione dell’integrazione socio-economica delle proprie comunità residenti.

Proprio questa speciale situazione giuridica, di organo di Stato estero (e, nel caso dei consoli onorari, spesso di cittadino dello stesso Stato presso il quale è chiamato ad adempiere la sua missione) pone il console in una posizione “strategica” che gli permette al contempo di rappresentare uno stato straniero e, grazie soprattutto alla profonda conoscenza della realtà locale, di mantenere e sviluppare il raccordo e il collegamento con il territorio.

Nei primi nove mesi del 2022 l’interscambio commerciale del Piemonte verso i 47 Paesi di interesse è stato pari a 35,1 miliardi di euro, il 26,7% in più rispetto allo stesso del 2021, quando si attestava a 27,8 miliardi di euro.

Le esportazioni verso questi 47 Paesi nei primi nove mesi del 2022 sono state pari a 18,2 miliardi (+17%), pari al 42,4% delle esportazioni complessive del Piemonte. Principali sbocchi sono la Francia, la Spagna e la Polonia.

Nel 2022, in provincia di Torino risultavano 23.167 posizioni di imprenditori e imprenditrici con nascita in uno dei 47 Paesi rappresentati dal Corpo Consolare torinese, ovvero il 51% di tutte le posizioni imprenditoriali straniere del tessuto provinciale. Il dato del 2022 è in crescita del 2,8% rispetto a fine 2021 e del 2,5% rispetto a cinque anni prima.

Al primo posto si collocano gli imprenditori della Romania (9.482 posizioni; il 44,8%), seguiti da quelli del Marocco (5.959; il 7,1%) e della Francia (1.495; il 4,1%).