Notizie | 22 gennaio 2023, 12:29

Caro-energia e inflazione, per le famiglie tracollo delle spese

Patrizia De Luise

Patrizia De Luise

Tra caro-energia ed inflazione, nel 2022 le famiglie italiane sono state costrette a bruciare 41,5 miliardi dei propri risparmi nel tentativo di conservare il proprio tenore di vita.

Un tenore ormai assediato dai costi incomprimibili: la quota di spesa familiare assorbita da spese per utenze e abitazione, infatti, dovrebbe assestarsi quest’anno sul 45,8% del totale mensile. Nel 2019 era il 35%. A stimarlo è Confesercenti.

Una situazione che pesa soprattutto sui redditi medio-bassi. Per le famiglie meno abbienti – il 40% del totale, pari a circa 10,5 milioni di nuclei familiari – i costi fissi varranno quest’anno circa la metà dell’intera spesa mensile (il 49%), riducendo ancora di più lo spazio per le altre spese.

Se si considerano infatti anche abbigliamento, bevande e spesa alimentare, la parte di bilancio occupata dai consumi obbligati o quasi sale al 77%, lasciando meno di un quarto – il 23% – disponibile per altro.

Il quadro delle abitudini di spesa, però, si è modificato fortemente anche per chi ha un po’ di più. Per il 40% di famiglie con un reddito medio la quota di bilancio assorbita da bollette e spese per la casa passa dal 35% del 2019 al 45% stimato per quest’anno, mentre la spesa per alimentari e bevande si riduce dal 25 al 23% e quella da dedicare ad altre spese subisce un vero e proprio crollo, scendendo dal 40% al 32%.

A confermare la negatività del quadro è anche l’analisi dei redditi disponibili. Secondo le stime di Confesercenti, alla fine del 2023 il potere d’acquisto dei lavoratori dipendenti risulterà inferiore di 2.800 euro rispetto al 2021, mentre per i lavoratori autonomi la capacità di spesa si ridurrebbe di 2.200 euro.

Sono questi gli effetti di un’inflazione che per il 2023 risulterebbe pari in media al 5,6%, portando così al 14,1% l’aumento dei prezzi nel biennio 2022-23.

Perciò, quest’anno, la spesa delle famiglie aumenterà appena dello 0,5%: un risultato deludente, dovuto quasi interamente all’aumento delle spese obbligate e cui si giungerebbe solo a fronte di una riduzione di ulteriori 11 miliardi dei risparmi delle famiglie.

Solo le spese per utenze e alimentari registrano una crescita, rispetto al periodo antecedente al Covid, rispettivamente del 45,5% e 6,1%. Positiva, anche per gli sconti fiscali in campo, pure la voce mobili, articoli e servizi per la casa (+3%).

Le restanti voci hanno tutte segno negativo: nel 2023 la spesa per ricreazione, spettacoli e cultura sarà ancora inferiore del 24,6% al 2019, quella in servizi ricettivi e ristorazione risulterà minore del 20,6% e del 19,7% quella per le comunicazioni.

Seguono, nella classifica delle voci più ‘tagliate’ rispetto al pre-covid: istruzione (-17,3%), abbigliamento e calzature (-15,2%), trasporti (-11,1%), altri beni e servizi (-11%), bevande alcoliche e tabacchi (-9,7%), servizi sanitari e spese per la salute (-5,5%).

“Covid, caro-energia e inflazione hanno rivoluzionato in senso negativo i bilanci delle famiglie negli ultimi tre anni, portando a un vero e proprio tracollo di spesa per la grande maggioranza delle voci di consumo”, ha commentato la presidente di Confesercenti, la genovese Patrizia De Luise.

La quale ha aggiunto: “Gli indicatori per il 2023, con un’inflazione che arriverà a sfiorare il 6%, confermano la difficoltà del quadro: il rischio è che la frenata della ripresa dei consumi abbia gravi conseguenze sulle prospettive di crescita del Paese. È indispensabile agire con politiche economiche espansive e di sostegno al potere d’acquisto e ai consumi. A partire dalla detassazione degli aumenti retributivi, per far ripartire la contrattazione e i salari in un momento difficile sia per le imprese che per le famiglie; ma serve anche una diminuzione generale – e consistente – della pressione fiscale”.

 


Ti potrebbero interessare anche: