Bandi & Concorsi - 19 gennaio 2023, 08:24

Valle d'Aosta: due bandi per l'agricoltura

Davide Sapinet

Davide Sapinet

L’assessorato della Regione Valle d'Aosta all’Agricoltura e Risorse naturali (assessore è Davide Sapinet), ha comunicato che è stato riaperto il bando per l’intervento relativo al primo insediamento di giovani agricoltori.

La misura prevede l’erogazione di un sostegno, nella forma di un premio di importo minimo pari a 35 mila euro, ai giovani agricoltori che si insediano per la prima volta a capo di un’impresa agricola esistente.

Il premio è aumentato a 40 mila euro, se l’azienda in cui si insedia il giovane è di nuova costituzione o se l’azienda, pur già esistente, si trova in contesti identificati come “aree rurali particolarmente marginali”. E se sussistono sia il carattere di marginalità territoriale sia la costituzione di una nuova azienda il premio sale a 50 mila euro.

Il bando è preliminare al successivo bando che finanzia gli investimenti aziendali presentati dai giovani agricoltori, i cui piani aziendali sono valutati positivamente.

Le domande devono essere presentate tramite il Sistema Informativo Agricolo Nazionale (Sian) entro martedì 28 febbraio prossimo. Per l’abilitazione al SIAN è necessario inviare il modulo di attivazione all’indirizzo di posta elettronica assistenza-sian@regione.vda.it (almeno 20 giorni prima del termine del bando).

Per un supporto nella presentazione delle domande, contattare lo Sportello Unico, nella sede dell’Assessorato a Saint-Christophe (telefono: 0165/275357, aperto dalle ore 9 alle 14 il martedì e il giovedì). Per informazioni sul bando, contattare i referenti della Struttura competente ai numeri 0165/275239 o 275285.

Lo stesso assessorato ha aggiunto che lunedì 23 gennaio aprirà il bando finalizzato a sostenere aziende agricole e pmi di fronte all’aumento delle spese dovuto all’impennata dei costi dell’energia per la guerra in Ucraina.

Nello specifico, l’intervento prevede l’erogazione di un contributo, una tantum e a fondo perduto, a favore delle aziende agricole e delle pmi operanti nel settore della manipolazione, commercializzazione e trasformazioni dei prodotti agricoli.

L’importo dell’aiuto varia da un minimo di 3.500 euro sino ad un massimo di 15 mila euro per le aziende agricole e di 30 mila per le pmi, determinato sulla base dell’effettivo aumento dei costi sostenuti.

La dotazione finanziaria totale della misura è di 1,065 milioni di euro. Nel caso in cui il numero di domande pervenute comportasse una spesa superiore alla disponibilità, i singoli contributi saranno rideterminati in modo proporzionale per tutte le domande ammesse nell’ambito dello stesso comparto.

Le domande devono essere presentate tramite il Sian entro martedì 28 febbraio 2023, utilizzando la modulistica pubblicata nei canali tematici Agricoltura e Europa del sito della Regione, allegando, oltre alla restante documentazione prevista, copia delle bollette elettriche relative al periodo dal 1° novembre 2020 al 31 ottobre 2022.



Ti potrebbero interessare anche:

SU