Notizie | 28 settembre 2022, 09:53

Vivibanca tiene la rotta su acquisizioni e diversificazione

Germano Turinetto, presidente Vivibanca

Germano Turinetto, presidente Vivibanca

ViViBanca, gruppo bancario privato e indipendente di Torino specializzato nel credito alle famiglie attraverso l'erogazione di prestiti contro cessione del quinto, oltre che nella raccolta online sul mercato retail, ha chiuso il primo semestre di quest'anno con crediti verso i clienti che si attestano a 391 milioni (+5% rispetto al 31 dicembre 2021). I volumi intermediati complessivi (montante) per i sono stati pari a 147,6 milioni rispetto ai 117,6 al 30 giugno 2021. I nuovi flussi di erogazione (finanziato) nella CQSP sono ammontati a 122,7 milioni, in aumento rispetto ai 97,6 del primo semestre dell'anno scorso.
Per quanto concerne il conto economico, il margine d'interesse è stato di 4,6 milioni (+30% rispetto al primo semestre 2021). Tale incremento è dovuto principalmente all'aumento dei crediti verso clienti core generati da ViViBanca e dalle nuove società del gruppo - Ifiver e Euganeo - parzialmente compensati da un incremento del costo della raccolta. Il margine di intermediazione si attesta è stato di 10,7 milioni (+6,6%).
L'utile netto consolidato, pari a 216 mila euro, è stato influenzato dal processo di integrazione della Ifiver nel Gruppo e dagli effetti contabili delle relazioni di copertura a livello consolidato. Il patrimonio netto al 30 giugno è di 56,8 milioni.
Per quanto riguarda i dati della capogruppo ViViBanca, i risultati del periodo evidenziano un over-performance relativamente a: margine di intermediazione pari a 13,5 milioni (+34% rispetto al 30/06/2021); utile netto pari a 2,7 milioni, in netta crescita (+94%); nuove erogazioni di cessione del quinto e anticipo Tfs pari a 123,7 milioni (+5,2%), crescita dei crediti verso clienti core (+22,3%).

A commento dei soddisfacenti risultati ottenuti nel periodo, il presidente Germano Turinetto e il direttore generale Antonio Dominici hanno sottolineato in particolare la capacità della Banca di proseguire il proprio sviluppo anche in condizioni particolarmente avverse e di proseguire il percorso di crescita e sviluppo previsto dal piano strategico.
In particolare, Germano Turinetto ha detto: “La banca sta portando avanti il processo di crescita delineato nel piano industriale, ponendo un'attenzione particolare alla crescita per linee esterne e alla diversificazione del portafoglio, oltre al completamento dei diversi cantieri di lavoro in corso di attuazione avviati nel secondo trimestre del 2021”.


Ti potrebbero interessare anche: