Piazza Affari | 27 settembre 2022, 08:59

Directa sim (Segre): dal 2023 anche servizi private

Massimo Segre

Massimo Segre

Le commissioni attive nette di Directa Sim, quotata torinese, nel primo semestre sono cresciute del 7,5% raggiungendo quota 7,85 milioni di euro contro i 7,3 milioni del primo semestre 2021 e il totale dei ricavi netti è stato di 12,4 milioni di euro nel primo semestre 2022 contro 12,5 milioni di euro nel corrispondente periodo del 2021.

Lo ha comunicato la società controllata e presieduta da Massimo Segre, aggiungendo che i conti aperti complessivamente al 30 giugno 2022 erano 56.372 in aumento (+25,3%) rispetto ai 44.979 del 30 giugno 2021 edin crescita ulteriore (+10,9%) rispetto al 31 dicembre 2021 quando erano 50.815. Il totale degli asset della clientela è stabilmente sopra i 3 miliardi di euro ed è pari a 3,141 miliardi in aumento (+4,1%) anche rispetto al 31 dicembre 2021, malgrado il calo generalizzato dei listini che ha prodotto una perdita del valore degli strumenti finanziari.

Il risultato netto semestrale è stato di 3.745.432 euro contro i 3.910.699 di euro dello stesso periodo 2021. Al netto dei proventi straordinari che hanno caratterizzato i due periodi, il risultato 2022 risulta in forte crescita, oltre 800mila euro, rispetto a quello del 2021. E per l'intero esercizio è previsto un utile lordo superiore a 8 milioni di euro (7,4 milioni di euro nel 2021).

Al 30 giugno il patrimonio netto è salito a 28,01 milioni, il 5,2% rispetto al 31 dicembre 2021.

La quota di mercato è salita al 5,62% migliorando di quasi un punto percentuale il dato del 2021 quando per l’intero esercizio era pari al 4,85%. E laa quota di mercato fra gli operatori on line in Italia è stata nel primo semestre pari al 13,2%, in crescita rispetto al 11,5% fatto segnare nell’intero 2021.

Massimo Segre, a commento dei risultati, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti dei risultati del primo semestre che confermano il percorso virtuoso di costante e progressiva crescita, che caratterizza l’andamento della società da inizio 2020. Malgrado le numerose avversità presenti nello scenario internazionale e le difficoltà del settore finanziario è proseguito durante tutto il periodo in maniera evidente l’aumento dei clienti, degli asset dei clienti in deposito e della quota di mercato in capo alla sim. La nostra intenzione per i prossimi mesi è quella di migliorare e ampliare ulteriormente l’offerta nel segmento “storico” del trading che verrà affiancato, a partire dall’anno prossimo, dai servizi “private”: contiamo in questo modo di proseguire lungo la strada fin qui intrapresa con l’obiettivo di raggiungere traguardi ancor più ambiziosi e prestigiosi” .


Ti potrebbero interessare anche: