Notizie | 25 settembre 2022, 09:39

Private equity e venture capital alla carica

Private equity e venture capital alla carica

Primo semestre double face per private equity e venture capital in Italia. Sono aumentati notevolmente il valore e il numero sia degli investimenti e dei disinvestimenti; mentre è diminuita la raccolta. Lo mostrano i dati raccolti dall'Aifi, l'associazione italiana degli operatori del settore presieduta da Innocenzo Cipolletta.

L’ammontare investito è stato pari a 10,9 miliardi, in crescita del 139% rispetto ai 4,6 miliardi del primo semestre del 2021. Si tratta del valore più alto mai raggiunto in un semestre nel mercato italiano: da sottolineare che tale ammontare risulta fortemente influenzato da alcune operazioni di dimensioni particolarmente elevate, tra cui una realizzata nel comparto delle infrastrutture.

Il numero di operazioni si è attestato a 338, in crescita del 34% rispetto alla prima parte del 2021 (253 investimenti). Nel dettaglio, il segmento dell’early stage (investimenti in imprese nella prima fase di ciclo di vita, seed, startup, later stage) è cresciuto del 50% in ammontare (442 milioni di euro) e del 63% per numero di operazioni, 210.

Il buyout (acquisizioni di quote di maggioranza o totalitarie) ha registrato un aumento dell’86% per ammontare, pari a 3,6 miliardi e del 24% per numero, pari a 87. L’expansion (investimenti di minoranza in aumento di capitale finalizzati alla crescita dell’azienda) ha registrato, invece, una diminuzione dell’attività, con solamente 186 milioni di euro contro i 299 milioni del primo semestre del 2021 (-38%), investiti in 15 operazioni (-35%).

Per quanto riguarda le infrastrutture, gli investimenti sono cresciuti in modo significativo in termini di ammontare, pari a 6,5 miliardi di euro (+227%), grazie soprattutto a una operazione particolarmente rilevante, mentre il numero di operazioni si è attestato a 15 contro i 25 dello stesso periodo dell’anno precedente (-40%). Da sottolineare che nel periodo oggetto di analisi sono state realizzate otto operazioni caratterizzate da un ammontare superiore ai 150 milioni di euro, due delle quali hanno riguardato il comparto delle infrastrutture.

Sempre lato investimenti, dal punto di vista delle dimensioni delle imprese, prevalgono ancora una volta le aziende con meno di 50 milioni di fatturato, che rappresentano l’81% del numero totale (72% nel primo semestre del 2021). Per quanto concerne la distribuzione settoriale, in termini di numero, nel comparto Ict sono state realizzate 77 operazioni (23% del totale), nel settore dei beni e servizi industriali 40 (12%) e nei servizi per il consumo 37 (11%).

In termini di distribuzione geografica, il 76% delle 314 operazioni realizzate nel primo semestre in Italia è stato realizzato al Nord (237 investimenti), il 16% al Centro (51) e il restante 8% al Sud e Isole, che totalizza 26 investimenti. A livello regionale, in linea con gli anni precedenti, la Lombardia si è classificata al primo posto in termini di numero di operazioni (123, pari al 39% del totale), seguita dall’Emilia Romagna (35, pari all'11%).

Con riferimento ai disinvestimenti, nel corso del primo semestre del 2022 ne sono stati realizzati 49, un numero che segna una crescita del 14% rispetto al primo semestre del 2021, quando erano 43. L’ammontare disinvestito, calcolato al costo storico di acquisto, si è attestato a 1,483 miliardi, contro i 697 milioni del primo semestre del 2021 (+113%).

Nella prima parte dell’anno, l'Aifi ha registrato una raccolta complessiva pari a 1,704 miliardi, in calo del 40% rispetto al primo semestre del 2021, che era stato caratterizzato da alcuni closing di dimensioni significative. Gli operatori che hanno effettuato un closing tra l'inizio di gennaio e la fine di giugno sono stati 26 (21 nello stesso periodo dell’anno precedente). Le fonti principali della raccolta sono state: assicurazioni (24%), fondi pensione e casse di previdenza (17%) e settore pubblico (12%).

A livello geografico, l’82% dei capitali proviene da investitori domestici, mentre con riferimento al target di investimento, si prevede di investire il 55% dei capitali in buyout e il 23% in early stage.

“Il primo semestre dell’anno mostra una crescita importante dell’ammontare investito dal private equity sulle infrastrutture; dall’altro lato – ha commentato Innocenzo Cipolletta, presidente Aifi - preoccupa il crollo delle operazioni di expansion, dedicate allo sviluppo delle imprese e rimangono ancora troppo poche quelle di turnaround, per il supporto alle aziende in tensione finanziaria. Nel venture capital l’intervento del Governo e delle istituzioni ha permesso la crescita del settore; ma occorre pensare a interventi attraverso fondi di fondi, che aiutino la finanza alternativa a crescere per poter essere un valido supporto all’economia reale”.

Ti potrebbero interessare anche: