Curiosità | 21 luglio 2022, 18:05

In Italia già il 55% delle imprese usa i social media

STATISTICHE UE: DOVE L'OCCUPAZIONE E' SALITA DI PIU' - DOVE L'OCCUPAZIONE E' SALITA DI PIU'

In Italia già il 55% delle imprese usa i social media

Sempre più imprese utilizzano i social media. Nel 2021 più della metà delle aziende attive nella Ue (59%) ha dichiarato di utilizzare almeno un tipo di social media, il che significa un aumento di 22 punti percentuali rispetto al 2015, quando infatti la quota era del 37%. Lo ha comunicato Eurostat in occasione della Giornata Mondiale dei Social Media, celebrata il 30 giugno.

La quota più alta delle imprese che usano i social media è stata fatta registrare da Malta (84%), seguita da Svezia e Paesi Bassi (entrambi con l'80%) e Finlandia (79%), mentre le quote minori sono emerse in Romania (36%), Bulgaria (39%) e Slovacchia (45%).
Rispetto al 2015, la quota di imprese che utilizzano i social media è aumentata in tutti gli Stati membri dell'Ue tranne uno. Gli incrementi maggiori sono stati rilevati in Belgio e Francia (entrambi +31%), seguiti da Lettonia (+30%) e Finlandia (+29%).

In Italia la quota delle imprese che usano i social media è salita dal 38 al 55%.

DOVE L'OCCUPAZIONE E' SALITA DI PIU'

Tra il primo trimestre del 2021 e lo stesso trimestre del 2022, l'occupazione che ha visto l'aumento percentuale più marcato del numero di addetti nella Ue è stata quella degli assistenti alla preparazione del cibo, con un aumento del 25,1%, passando da quasi 1,1 a quasi 1,4 milioni di persone.

Il secondo aumento più grande, 15,6%, è stato nel gruppo dei lavoratori dei servizi personali, che riguarda assistenti di viaggio, conduttori, guide, cuochi, camerieri e baristi, parrucchieri, estetisti e supervisori di costruzione e pulizie. Nel primo trimestre del 2022, questo gruppo professionale aveva 7,6 milioni di lavoratori.

I professionisti delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione sono arrivati ​​​​al terzo posto, con un aumento del 9,6% dal primo trimestre 2021 al primo trimestre 2022. Tra questi due trimestri, questo gruppo (che riguarda sviluppatori e analisti di software e applicazioni e professionisti di database e reti) è aumentato da 4,1 a 4,5 milioni le persone.

Ci sono stati due gruppi professionali con un aumento del 9% del numero di lavoratori dal primo trimestre 2021 al primo trimestre 2022: professionisti legali, sociali, culturali e associati (+9,4%), nonché gestori dell'ospitalità, vendita al dettaglio e altri servizi (+9,1 %). Nel primo trimestre del 2022, questi gruppi contavano rispettivamente 3,5 e 2,4 milioni di lavoratori.

Seguono nella graduatoria delle prime occupazioni con i maggiori incrementi percentuali del numero di occupati i professionisti dell'economia e dell'amministrazione (+7,4%), gli artigiani e gli stampatori (+6,7%), i tecnici dell'informazione e della comunicazione (+5,9%), le scienze e professionisti dell'ingegneria (+5,7%) e responsabili della produzione e dei servizi specializzati (+5,3%).

Al contrario, i lavoratori dell'agricoltura, della silvicoltura e della pesca hanno registrato il calo più consistente nell'Ue dal 1° trimestre 2021 al 1° trimestre 2022 (-12,6 %).

ITALIA PENULTIMA NELL'UE PER VITA LAVORATIVA

Nel 2021, la durata media prevista della vita lavorativa per i quindicenni nella Ue era di 36 anni. Dal 2001, la durata media prevista della vita lavorativa è aumentata costantemente nell'UE, per poi diminuire per la prima volta nel 2020 in relazione alla crisi sanitaria del Covid-19 (da 32 anni nel 2001 a 35,9 anni nel 2019, per poi scendere a 35,6 anni nel 2020) per tornare nel 2021 al livello pre-pandemia.

Tra gli Stati membri dell'Ue, la durata media prevista della vita lavorativa variava ampiamente a seconda dei Paesi e della loro situazione geografica in Europa. Nel 2021, le durate più elevate nell'Ue sono state registrate nei Paesi Bassi (42,5 anni), in Svezia (42,3 anni) e in Danimarca (40,3 anni). Al contrario, le durate più basse della vita lavorativa sono state registrate in Romania (31,3 anni), Italia (31,6 anni) e Grecia (32,9 anni).

Per gli uomini, la durata prevista della vita lavorativa era in media di 38,2 anni, con le durate più lunghe registrate nei Paesi Bassi (44,3 anni) e in Svezia (43,6 anni) e la più breve in Bulgaria (34,6 anni) e Romania (35,0 anni). Per le donne, la durata media della vita lavorativa è stata di 33,7 anni, con le durate più lunghe registrate anche in Svezia (41 anni) e nei Paesi Bassi (40,5 anni), ma la più breve in Italia (26,9 anni) e Romania (27,4 anni ).

Sebbene ci si aspetta che gli uomini lavorino più a lungo delle donne, il divario di genere si è ridotto nell'Ue con la crescente partecipazione delle donne al mercato del lavoro (il divario di genere era di +4,5 anni nel 2021 rispetto a +7 anni nel 2001). Nel 2021 questo divario di genere è stato più pronunciato in Italia (+9,1 anni), seguita da Malta (+8,4 anni) e Romania (+7,6 anni). La Lituania era l'unico Stato membro dell'Ue in cui il divario di genere era negativo, con le donne che di solito lavoravano 1,3 anni in più rispetto agli uomini, mentre Estonia (+0,1 anni), Lettonia (+0,8 anni) e Finlandia (+1,1 anni) presentavano divari di genere molto ridotti.


Ti potrebbero interessare anche: