Sviluppo | 14 giugno 2022, 08:41

Scegliere tra il conto on line e quelli "normali"

La sede della Banca del Piemonte a Torino

La sede della Banca del Piemonte a Torino

Perché farsi un conto on line? Perché è comodo, è facile, è conveniente, è smart; perché si può fare tutto senza bisogno di andare in filiale, perché si ha la banca a proprio servizio 24 ore su 24 e si può operare in qualsiasi posto, dallo smartphone, dal pc o dal tablet.

Sono queste le principali risposte che si raccolgono chiedendo le motivazioni della scelta del conto corrente on line, non soltanto tra o più giovani, i primi a cogliere la nuova opportunità; ma, sempre di più, in tutte le fasce d'età.

“D'altra parte – si legge sul sito della Banca del Piemonte (www.bancadelpiemonte.it) - il rapido avanzamento della digitalizzazione, favorito dal lockdown conseguente all'epidemia da Covid-19, ha accelerato il fenomeno dei conti online, anche nel nostro Paese, dove si contano circa 47,7 milioni di correntisti e già il 68% dei “bancarizzati” ha dichiarato che preferisce l'utilizzo del “mobile banking” e il 56% dell' “home banking”, cioè dei rapporti con la propria banca da remoto”.

Comunque, sono ancora milioni gli italiani che vanno in banca e lo fanno pur consapevoli delle diverse possibilità offerte dalla tecnologia e del loro istituto di credito. Continuano ad andare in banca non solo perché sono abituati così, ma soprattutto perché trovano maggiore soddisfazione nell'incontro personale, magari con chi li “segue” da anni; perché hanno piacere di confrontarsi a viva voce, di guardare negli occhi il funzionario conosciuto da tempo, con il quale cercare la soluzione a un problema o al quale chiedere un consiglio.

C'è chi compra i libri su internet e chi li legge sul tablet, nella versione e-book; ma sono ancora tanti quelli che amano entrare in libreria, guardare le opere negli scaffali, sfogliarne le pagine, assaporare l'odore della carta e dell'inchiostro, ascoltare i suggerimenti di chi già conosce i nostri gusti.

Per la banca è quasi lo stesso.

Anzi, la Banca del Piemonte offre ancora di più. Infatti, con il suo conto online BPNext si ha a disposizione una filiale web dedicata (BP OpenToYou), che consente, fra l'altro, di parlare con un operatore, anche telefonicamente.

Il Conto BPNext, gratuito il primo anno, al termine del quale viene addebitato un euro al mese (canone annuo di 12 euro) ha tanti servizi inclusi, a costo zero: operazioni online illimitate, internet banking BPnow, carta di debito (si può ricevere a casa), la prima carta prepagata, bonifici Sepa online, domiciliazione di stipendio, pensione, utenze domestiche e Satispay, carta di credito Nexi Bp con canone ridotto a 15 euro il primo anno, numero di telefono della filiale BP OpenToYou dedicato.

Fra l'altro, per aprire on line il conto BPNext bastano pochi minuti, avendo sottomano un documento di identità, il codice fiscale e il telefono cellulare. E al termine della registrazione basterà fare un bonifico sul nuovo conto per attivarlo. Il tutto richiede soltanto sei mosse.

Il conto BPNext, dunque, è la soluzione ideale per chi ha deciso di non avere un rapporto fisico con la banca. Ma è, comunque, uno dei diversi conti correnti della gamma della Banca del Piemonte, studiata e proposta per soddisfare ogni singola necessità.

Il singolo individuo, infatti, può scegliere tra il il Conto BP Incontriamoci, il Conto Verde Primavera, il Conto Pregio, il Conto di Base. E a questi aggiunge Deposito Conto Mio BP, il libretto per bambini e ragazzi fino a 18 anni non compiuti. Libretto con zero spese fisse annuali e operazioni illimitate gratuite, remunerazione delle giacenze, imposta di bollo a carico della Banca e per chi ha più di 12 anni la possibilità di disporre della carta prepagata Nexi Prepaid BP (emessa al costo di 16 euro). Il limite massimo di giacenza è di 10.000 euro.

Il Conto BP Incontriamoci è un conto flessibile: più prodotti hai meno spendi (il canone mensile è di 8,5 euro, ma si può ridurre fino a 2 euro al mese, in funzione dei prodotti sottoscritti, quali la domiciliazione dello stipendio o della pensione, un mutuo, gli investimenti in polizze assicurative). Fra l'altro, se hai meno di 29 anni e sei monointestatario, il canone mensile è di 1,50 euro.

Nel canone sono comprese operazioni illimitate, internet banking BPnow, carta di debito, carta di credito Nexi con canone di 15 euro per il primo anno, bonifici Sepa online, domiciliazione di stipendio/pensione, utenze domestiche e Satispay.

Il Conto Verde Primavera, semplice, completo, conveniente, è l'ideale per tutta la famiglia. Il suo canone è di 7,35 euro al mese. Il Conto Pregio, invece, è dedicato alla clientela seguita dalle Reti Premium e Private Bankers. Gratuito il primo anno, ha poi un canone di 3,50 euro al mese, che include tanti servizi, compresa la carta di credito Nexi Prestige gratuita il primo anno e poi a costo ridotto.

Il Conto di Base è particolarmente indicato per chi ha esigenze bancarie semplici, operatività ridotta o appartiene a una fascia economicamente fragile. Questo conto è disciplinato da norme specifiche. Esclude il libretto d'assegni, carte di credito, carte prepagate, deposito titoli e non ammette fidi o sconfinamenti. Inoltre, non può accedere al Conto di Base chi è già titolare di altro conto di base (in qualsiasi istituto) o di altro conto corrente aperto alla Banca del Piemonte.

Il Conto di Base è gratuito per i minori di 29 anni monointestatari, mentre ha un canone trimestrale di nove euro per chi ha più di 29 anni o un cointestatario. Il canone è gratuito, in ogni caso, per chi ha un Isee non superiore ai 16.600 euro e per i titolari di pensioni fino a 18.000 euro annui. Il canone comprende l'internet banking BPnow, la carta di debito, bonifici Sepa on line e allo sportello, domiciliazione di stipendio/pensione, utenze domestiche e Satispay, oltre che il numero di operazioni prestabilite dalle norme.