Notizie | 27 aprile 2022, 18:34

Fondi aperti in crescita consecutiva da due anni

A marzo raccolta netta del gruppo Intesa Sanpaolo positiva per 619 milioni

Carlo Messina

Carlo Messina

Per i fondi d'investimento aperti sono due anni di crescita ininterrotta: marzo è stato il ventiquattresimo mese consecutivo concluso con flussi netti positivi per 2,2 miliardi. Questa cifra consente di controbilanciare il risultato complessivo del mese che chiude con una raccolta netta negativa per 926 milioni (differenza del valore delle nuove sottoscrizioni e quello dei recessi) per effetto di operazioni infragruppo nell’ambito dei mandati istituzionali.

Entrando nel dettaglio delle categorie, i risparmiatori hanno indirizzato le proprie preferenze sui fondi azionari (+2,4 miliardi) e sui bilanciati (+1,1 miliardo).

Il patrimonio gestito a fine marzo si attesta a 2.502 miliardi per l’effetto combinato della raccolta e della flessione dei mercati che l’Ufficio studi di Assogestioni quantifica nello 0,2%. La quota prevalente degli asset, 1.315 miliardi (pari al 52% del totale), è impiegata in fondi aperti e chiusi. Gli investimenti nelle gestioni di portafoglio ammontano a 1.186 miliardi.

A marzo, tra gli operatori in controtendenza, figura il gruppo Intesa Sanpaolo, la cui raccolta netta è stata positiva per 618,8 milioni, inferiore però a quella del gruppo Amundi (1,193 miliardi), il cui patrimonio gestito è risultato di 229,215 miliardi, che valgono il terzo posto nella classifica nazionale. Al primo, infatti, si è confermato il gruppo Intesa Sanpaolo con 530,330 miliardi, pari al 21,9% del mercato italiano e al secondo il gruppo Generali con 489,727 miliardi (quota del 20,2%), che, però, a marza ha denunciato una raccolta netta negativa per 994,1 milioni.

Un valore dei riscatti superiore a quello delle nuove sottoscrizioni l'ha presentato a marzo anche Eurizon, la principale società specializzata del gruppo che ha come principale azionista la fondazione torinese Compagnia di San Paolo. Eurizon, infatti, ha avuto una raccolta netta negativa per 94,2 milioni; mentre è stata positiva per 713,1 milioni quella di Fideuram, l'altra società del gruppo Intesa Sanpaolo, guidato da Carlo Messina, attiva nel settore.

A fine marzo il patrimonio gestito da Eurizon ammonta a 420,427 miliardi e a 109,903 miliardi quello di Fideuram. La biellese Sella è al 29° posto con 10,295 miliardi (la sua raccolta netta a marzo è stata positiva per 149 milioni).


Ti potrebbero interessare anche: