Piazza Affari | 24 marzo 2022, 19:02

Exor: nel 2021 utile netto di 1,7 miliardi

John Elkann

John Elkann

Exor, la holding che fa capo alla famiglia Agnelli-Elkann-Nasi ed è guidata da John Elkann, ha chiuso il bilancio 2021 con l'utile netto di 1,717 miliardi, che si confronta con la perdita di 30 milioni denunciata nel 2020. La variazione di 1,747 miliardi deriva soprattutto dal miglioramento delle performance delle societa' operative (3,009 miliardi) - parzialmente compensato dall'effetto dell'accordo transattivo raggiunto con l'Agenzia delle Entrate che ha comportato il pagamento di tasse per 744 milioni, di cui 101 per interessi - e da perdite non ricorrenti per 504 milioni di euro derivanti dal deconsolidamento di Fca a seguito della fusione con Psa.

Il cda proporra' all'assemblea dei soci un dividendo di 0,43 euro per azione, come lo scorso anno.

Il Nav (Net asset value), il valore delle partecipazioni di Exor alla fine del 2021 ammontava a 31,069 miliardi, 7,028 miliardi in più rispetto a fine 2020. Exor controlla le quotate Ferrari, Cnh Industrial, Iveco Group, Juventus, oltre che la Gedi (La Stampa, Repubblica, il Secolo XIX) e, fra l'altro, è il maggiore azionista di Stellantis e dell'Economist.


Ti potrebbero interessare anche: