Piazza Affari | 26 febbraio 2022, 18:29

Borsa: Sanlorenzo supera la tempesta e fa record

Uno yacht Sanlorenzo

Uno yacht Sanlorenzo

La settimana appena passata è stata da brividi per gli investitori di Borsa che, a causa dell'invasione dell'Ucraina, hanno visto pesanti ribassi dei valori azionari, tanto che il principale indice di Piazza Affari è sceso fino a sotto i 25.000 punti, recuperando poi proprio nell'ultima seduta (+3,6%), così che ha chiuso a 25.773 punti, livello comunque ben lontano dai 27.618 dell'inizio dell'anno, quando la tendenza favorevole sembrava destinata a continuare.

Nella nuova tempesta, però, ci sono quotate del Nord Ovest che hanno retto bene l'ondata; alcune hanno anche aumentato il loro valore rispetto al venerdì precedente e una – la spezzina Sanlorenzo, controllata e presieduta dal torinese Massimo Perotti – ha addirittura fatto segnare il suo nuovo massimo storico. Il prezzo finale dell'azione Sanlorenzo, infatti, è stato di 41,50 euro, il più alto raggiunto finora e corrispondente alla capitalizzazione di 1,434 miliardi.

Con la Sanlorenzo un'altra dozzina di quotate del Nord Ovest ha concluso le negoziazioni in rialzo rispetto a sette giorni prima. Lo hanno fatto Diasorin (128,35 euro dai 117,3 di venerdì 18), Italgas (5.76 da 5,63 euro), Stellantis (da 16,692 a 16,884), Reply (da 142,30 a 144,50), Iren (2,522 euro da 2,448), Erg (d24,06 a 26,54), Tinexta (da 29,70 a 30,06), Confinvest (da 2,29 a 2,71), Cover50 (da 7,05 a 7,20), Directa Sim (da 4,965 a 5,08), Matica Fintec (da 2,37 a 2,38) e Renergetica (da 6,66 a 6,70).

Due hanno evidenziato lo stesso prezzo (Bim-Banca Intermobiliare e Visibilia Editore); mentre tutte le altre hanno denunciato un ribasso. Fra queste spiccano le blue chip Buzzi Unicem (da 19,615 euro a 17,595), Cnh Industrial (da 13,885 a 12,825), Exor (da 72,22 a 68,36), Ferrari (da 194,50 a 190,45), Intesa Sanpaolo (2,722 a 2,4775).

Ti potrebbero interessare anche: