Piazza Affari | 03 febbraio 2022, 15:41

Sanlorenzo ha ordini per oltre un miliardo

Nel 2021 ricavi per 586 milioni - Perotti svela i fattori del successo e la strategia - "I nostri yacht sono opere d'arte"

Yacht della Sanlorenzo

Yacht della Sanlorenzo

Il Consiglio di amministrazione della quotata Sanlorenzo ha esaminato i risultati consolidati preliminari al 31 dicembre 2021 e la guidance per il 2022. Massimo Perotti, presidente e ceo della società spezzina, ha commentato: “Presentiamo con grande orgoglio risultati unici nel settore, con performance che confermano la forza del nostro brand, nel quale i clienti riconoscono una identità senza eguali e la capacità di rispondere al desiderio di libertà, valore imprescindibile soprattutto nel contesto odierno. Questi sono gli elementi fondamentali dietro al percorso di successo della maison: visione destinata alla creazione di valore responsabile nel tempo; costanza nel perseguire gli obiettivi spingendoci sempre oltre le attese; cura estrema dei dettagli e ossessione per la qualità e il design, anche attraverso la continua ricerca di materiali che trasformano i nostri yacht in opere d’arte”.

Il torinese Perotti ha aggiunto: “A questi fattori, da sempre elementi essenziali della nostra cultura, abbiamo, più di recente, associato un’accelerazione nell’individuare nuove soluzioni e servizi che possano rendere il viaggio dei nostri clienti sempre più esclusivo e confortevole, oltre a innovazioni e tecnologie sostenibili. Di grande rilevanza, non solo per il nostro gruppo, ma per l’intero settore, è il progetto di sistemi a fuel cell che Sanlorenzo sta sviluppando assieme a Siemens Energy. per la generazione di energia elettrica pulita negli yacht: una sperimentazione d'avanguardia destinata a introdurre un nuovo paradigma nella nautica contemporanea, che troverà applicazione già nel 2024. Sono questi i punti cardinali che continueranno a tracciare la rotta del nostro business, su cui costruiamo le nostre promesse future e di cui sentiamo una profonda responsabilità”.

E ha concluso: “La guidance che presentiamo prevede crescita a doppia cifra dei principali indicatori e porta con sé l’impegno di tutta Sanlorenzo a scrivere un altro capitolo di successo della società. I contratti già firmati a fine gennaio ci danno ampia fiducia nella crescita economica sostenibile nel lungo periodo”.

Nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2021 i ricavi netti ammontano a 585,9 milioni di euro, in crescita del 28% rispetto a 457,7 milioni del 2020. In un contesto di forte accelerazione del mercato, questi risultati sono legati sia a un aumento dei volumi per l’elevata raccolta di nuovi ordini, sia a un incremento dei prezzi medi di vendita a partire dalla tarda primavera dell’anno, in ragione del posizionamento commerciale della società. La suddivisione per area geografica evidenzia un’elevata crescita delle Americhe, pari al 65,3% rispetto al 2020, in particolare degli Stati Uniti, mercato strategico per il gruppo.

L’ebitda rettificato è pari a 95,5 milioni, in crescita del 35,3% rispetto a 70,6 milioni nel 2020. Il margine sui ricavi netti è pari al 16,3%, in aumento di 90 basis point rispetto al 2020. Il costante incremento della profittabilità operativa è legato al cambiamento nel mix di prodotto a favore di yacht di maggiori dimensioni in tutte le divisioni e all’incremento dei prezzi medi di vendita. Pur in presenza di uno scenario inflattivo negli ultimi mesi dell’anno, l’impatto dell’aumento dei prezzi delle materie prime resta limitato, anche in ragione della prevalenza della manodopera nella struttura dei costi di produzione. Sempre più strette sono le partnership con i fornitori, per assicurare l’approvvigionamento di materiali e componenti chiave ad un prezzo prestabilito attraverso alla sottoscrizione di contratti pluriennali. I risultati operativi continuano, inoltre, a beneficiare delle efficienze generate dall’ottimizzazione della nuova capacità produttiva e dal conseguente maggiore assorbimento dei costi fissi.

Gli investimenti sono ammontati a 49,2 milioni, in crescita del 59,7% rispetto a 30,8 milioni del 2020, di cui 26,7 milioni destinati all’incremento della capacità produttiva e 17,5 milioni allo sviluppo di nuovi prodotti e all’introduzione di innovazioni e tecnologie volte a ridurre l’impatto ambientale degli yacht. In particolare, nel corso del terzo trimestre sono state concluse tre acquisizioni di infrastrutture industriali adiacenti ai cantieri della società a Viareggio, Massa e La Spezia, per un importo complessivo di 19,2 milioni, che comporteranno un significativo incremento della capacità produttiva per rispondere all’accelerazione delle vendite.

La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2021 è positiva per 39 milioni, rispetto a 3,8 milioni alla stessa data 2020. La liquidità complessiva disponibile al 31 dicembre 2021 è pari a 272 milioni, inclusi affidamenti bancari non utilizzati per 130,4 milioni. L’indebitamento finanziario è pari a 102,6 milioni.

Nel 2021 sono stati raccolti nuovi ordini per un totale di 1,093 miliardi e al 31 dicembre il portafoglio ammonta a 915,6 milioni, più che raddoppiato rispetto a 408,8 milioni di fine 2020. E

la positiva dinamica del portafoglio ordini è proseguita nel 2022, con un backlog al 31 gennaio 2022 pari a 1.002,6 milioni, coperto per oltre il 90% da clienti finali. L’importo del backlog riferito al 2022, pari a 579,5 milioni, copre circa l’80% dei ricavi netti previsti per l’esercizio in corso.

Alla luce dei risultati consolidati preliminari al 31 dicembre 2021 e tenuto conto della successiva evoluzione della raccolta ordini, la Sanlorenzo anticipa la guidance per l’anno 2022, prevedendo nuovamente una crescita a doppia cifra dei principali indicatori finanziari: sono attesi ricavi netti di 700-740 milioni, un ebitda di 122-130 milioni, investimenti per 45-48 milioni e una posizione finanziaria netta positiva per 62-66 milioni.

Ti potrebbero interessare anche: