Notizie | 28 novembre 2021, 09:14

Notizie in breve dal Nord Ovest

IL 70% DELLA GENOVESE RELIFE A F2I - COMPLEANNI CENTENARI PER TENUTE SELLA, REGISTRO NAVALE ITALIANO E VITTORIA ASSICURAZIONI

IL 70% DELLA GENOVESE RELIFE A F2I

F2i sgr, gestore italiano di fondi infrastrutturali, ha acquisito il 70% di ReLife, gruppo genovese attivo nel riutilizzo e nella valorizzazione energetica degli imballaggi di carta e plastica. A vendere sono stati le famiglie Benfante, Ghigliotti, Malaspina e il fondo di private equity Xenon, che, però, garantendo continuità manageriale, hanno deciso di conservare una quota di minoranza della società.

Il gruppo ReLife, basato a Genova, gestisce, con circa 650 dipendenti ,56 impianti in 18 siti nel nord Italia (Liguria, Piemonte, Lombardia, Veneto e Toscana). Il fatturato atteso nel 2021 è pari a circa 250 milioni di euro. Il gruppo è attivo nei comparti relativi ai prodotti della carta e della plastica: raccolta, selezione e trattamento di rifiuti; produzione, da materiale riciclato, di cartone per uso industriale e di imballaggi di cartone; produzione da materiale riciclato di imballaggi di plastica; conversione della parte dei rifiuti trattati e non riciclabili in combustibile solido secondario utilizzato nei processi produttivi industriali in sostituzione di combustibili di origine fossile.

COMPLEANNI CENTENARI

Le Tenute Sella, azienda agricola vitivinicola biellese, ha festeggiato i suoi primi 350 anni. E lo ha fatto con il Lessona 350, un vino rosso destinato a figurare tra quelli della “riserva di famiglia”. Già, perchè le Tenute Sella, le cui origini risalgono al 1671, da sempre sono dell'omonima, storica famiglia di Biella, che, fra l'altro, è proprietaria del gruppo bancario-finanziario presieduto da Maurizio Sella. Le tenute Sella, a Lessona, 23 ettari, hanno una produzione annuale di circa 75mila bottiglie (principalmente Lessona e Bramaterra) e un fatturato di 600mila euro, per il 20% dovuto alle vendite all'estero. Amministratore delegato è Riccardo Giovannini, enologo, mentre presidente è Federico Sella, il quale è anche amministratore delegeato e direttore generale di Banca Patrimoni Sella & C. che ha sede e quartiere generale a Torino.

***

Il Registro Italiano Navale, ente di diritto privato senza fini di lucro e socio di riferimento di Rina, ha celebrato, al Galata Museo del Mare di Genova, il 160esimo anniversario dalla sua fondazione. Il Registro Italiano Navale nasce a Genova nel 1861 come terza società di classificazione fondata nel mondo per volere degli assicuratori e degli armatori dell’epoca, ai fini di svolgere attività legate alla classificazione delle navi e alla sicurezza della navigazione. Il Registro ha svolto direttamente le attività di classificazione navale, di ispezione e di certificazione per poi, nel 1999, trasferirle a Rina, di cui oggi è azionista di riferimento, con una quota di ampia maggioranza (70%). Gli altri azionisti di Rina sono Naus (27%) e il management Rina(3%). Rina fornisce un’ampia gamma di servizi nei settori Energia, Marine, Certificazione, Real Estate e Infrastrutture, Mobilità e Industry. Con ricavi netti pari a 495 milioni di euro nel 2020, conta oltre 4.000 dipendenti e 200 uffici in 70 Paesi.

***

Tra le imprese che, quest'anno, hanno tagliato la tappa dei cento anni si trova la Vittoria Assicurazioni, compagnia controllata dalla famiglia Acutis di Torino (presidente è Andrea Acutis, figlio di Carlo, classe 1938, mentre amministratore delegato è Cesare Caldarelli). La Vittoria Assicurazione, che due anni fa è uscita dalla Borsa, quest'anno ha distribuito un dividendo di 30,4 milioni di euro, pari al 27% dell'utile netto 2020 che è stato di quasi 109 milioni, a fronte dei 74,4 dell'esercizio precedente. Nel 2020, Vittoria Assicurazioni ha raccolto premi per 1,3 miliardi. Il 99,7% della Compagnia fa capo alla Yafa Holding, che vede la famiglia Acutis con il 79,8% delle azioni mentre la quota restante è divisa fra pochi soci: la banca svizzera Lombard Odier, SocGen, la banca Passadore di Genova, Paveri Fontana e i fratelli Giorgio e Piero Marsiaj.



Ti potrebbero interessare anche: