Notizie | 22 novembre 2021

Perché il tartufo patrimonio dell'umanità

Perché il tartufo patrimonio dell'umanità

“La candidatura del tartufo a patrimonio dell’umanità è un passo importante per difendere un sistema segnato da uno speciale rapporto con la natura in un rito ricco di aspetti antropologici e culturali che sviluppa nei territori vocati un business stimato in oltre mezzo miliardo di euro”. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare il parere positivo del comitato di esperti mondiali Unesco alla candidatura della “Cava e cerca del tartufo” per l’iscrizione nella lista dei patrimoni dell’umanità pubblicato sul sito dell’Unesco.

L’annuncio avviene in un anno particolare per le condizioni climatiche che hanno fatto schizzare il prezzo medio del tartufo bianco a 450 euro all’etto al borsino del tartufo di Alba, punto di riferimento a livello nazionale per il tubero piu’ prezioso d’Italia. A far alzare le quotazioni è stato il lungo periodo di siccità che ha frenato le nascite del pregiato tubero ma si spera ora negli effetti positivi delle precipitazioni nelle regioni vocate per la raccolta, dal Piemonte dalle Marche e alla Calabria, dall’Umbria al Molise, dall’Abruzzo alla Toscana fino al Lazio.

Il Tuber magnatum Pico – conclude la Coldiretti –coinvolge in Italia circa 200.000 raccoglitori ufficiali, che riforniscono negozi e ristoranti che attendono la decisione finale dell'Unesco prevista dal 13 al 18 dicembre.

Ti potrebbero interessare anche: