Bandi & Concorsi | 16 novembre 2021

Fondazione Crc aiuta i pazienti oncologici

Ezio Raviola, vice presidente Fondazione Crc

Ezio Raviola, vice presidente Fondazione Crc

“Curare in relazione” è il nuovo bando promosso dalla Fondazione Crc di Cuneo per contribuire a migliorare l’accessibilità alle cure per i pazienti oncologici, in una fase storica in cui è cresciuta la difficoltà di accesso a causa dell’emergenza sanitaria pubblica ancora in corso. L’obiettivo è sostenere iniziative di umanizzazione della medicina, rivolte ai pazienti e alle loro famiglie durante i percorsi di prevenzione, diagnosi e cura della malattia oncologica.

Il bando, che mette a disposizione 500 mila euro, intende sostenere: l’attivazione di servizi di supporto alla fragilità per pazienti e famiglie; la messa a disposizione e gestione di foresterie, servizi alberghieri, trasporti per persone in cura nei poli di eccellenza della provincia di Cuneo; la realizzazione di interventi di miglioramento e umanizzazione dei luoghi e dei percorsi di cura (ambulatori, ospedali, punti di accesso, hospice); il miglioramento della tecnologia in tutte le fasi (prevenzione, diagnosi e cura).

Il bando Curare in relazione è dedicato agli enti pubblici deputati all’erogazione dei servizi sanitari e socioassistenziali e agli enti del terzo settore: i contributi erogabili saranno compresi tra i 50 e gli 80 mila euro e le richieste di contributo vanno presentate entro il 30 novembre sul sito della Fondazione Crc. Il bando e le informazioni di dettaglio sono disponibili alla pagina https://www.fondazionecrc.it/index.php/salutepubblica/105-progetti-e-contributi/settori-di-intervento/salute-pubblica/bandi-aperti/885-curare-inrelazione

“Con il bando Curare in relazione, la Fondazione Crc - spiega Ezio Raviola, vice presidente - vuole ribadire la sua attenzione al benessere e alla salute delle persone in senso lato, in un momento storico in cui la fragilità ha risentito maggiormente della pandemia: garantire l’accesso alla prevenzione, alla diagnosi e alla cura è fondamentale. Il bando intende promuovere e sostenere interventi di umanizzazione dei luoghi e dei processi di cura, in grado di portare benefici sia alle persone in cura e alle loro famiglie, sia agli operatori, nell’ottica di un miglioramento continuo”.

Ti potrebbero interessare anche: