Piazza Affari | 12 novembre 2021

Cli: più profitti e meno indebitamento

Angelo Mastrolia

Angelo Mastrolia

La Centrale del Latte d’Italia (Cli), terzo operatore italiano del mercato del latte fresco e a lunga durata, presieduta da Angelo Mastrolia, a capo anche della controllate Newlat Food, nei primi nove mesi ha registrato un fatturato pari a 207,6 milioni di Euro, contro i 135,3 milioni di Euro dello stesso periodo dell’esercizio 2020, grazie al contributo del ramo milk & dairy, concesso in affitto dalla Newlat Food, anch'essa quotata in Borsa.

Il margine operativo lordo al 30 settembre 2021 si attesta a 19,9 milioni, contro i 13,6 milioni alla stessa data. L’utile netto risulta pari a 8,9 milioni, a fronte dei 3,3 milioni emersi al 30 settembre 2020. Tale risultato è influenzato dal rilascio di imposte differite pari a 5,1 milioni, relative all’affrancamento dei disallineamenti derivanti dall’operazione di fusione. Significativo anche il miglioramento della posizione finanziaria netta che, prima dell’applicazione del principio contabile IFRS16, risulta negativa per 48,5 milioni, in calo del 16,2% rispetto al 31 dicembre scorso.


Ti potrebbero interessare anche: