Notizie | 26 ottobre 2021

Fondi, a 10 miliardi il patrimonio gestito da Sella

Il gruppo Intesa Sanpaolo a settembre ha registrato una raccolta netta di 2,211 miliardi, portando a 536,9 miliardi il patrimonio gestito da inizio anno

Maurizio Sella, n.1 del gruppo di Biella

Maurizio Sella, n.1 del gruppo di Biella

Il patrimonio gestito da Sella in fondi aperti e gestioni di portafoglio a fine settembre ha raggiunto i 10 miliardi di euro. Questo risultato, conseguente alla raccolta netta di 94,5 milioni nel mese scorso, emerge dai nuovi dati di Assogestioni, l'associazione nazionale dei gestori del settore, che evidenziano l'ulteriore rafforzamento del primato del gruppo Intesa Sanpaolo. Infatti, Eurizon e Fideuram, le due società del gruppo che ha come principale azionista la Fondazione Compagnia di San Paolo, insieme hanno registrato, in settembre, una raccolta netta di 2,211 miliardi, portando così il patrimonio gestito a 536,891 miliardi alla fine dei primi nove mesi e al 21,8% la sua quota del mercato italiano.

In particolare, nel mese scorso, la raccolta netta di Eurizon è stata di 2,044 miliardi mentre è stata di 166,9 milioni quella di Fideuram. Invece, è stata negaiva per 1,097 miliardi (differenza tra nuove sottoscrizioni e recessi) la raccolta netta del gruppo Generali, secondo maggior operatore, con un patrimonio netto di 521 miliardi, corrispondenti alla quota del 21,1%. Negativa anche la raccolta netta mensile di Amundi, al terzo posto in Italia con un patrimonio gestito di 204,230 miliardi e la quota dell'8,7%. Al quarto, a fine settembre, si trova Azimut Holding con 199,461 miliardi (8,1%) e al quinto Poste Italiane con 110,571 miliardi (4,5%). Per Poste Italiane, il mese scorso, la raccolta netta è stata negativa per 3,257 miliardi.

Quanto ai gruppi torinesi Ersel e Bim-Banca Intermobiliare, Assogestioni ha attributo al primo una raccolta netta di 26,5 milioni a settembre e un patrimonio gestito di 7,489 miliardi alla fine dei primi nove mesi e al gruppo Bim una raccolta netta negativa di 3,9 milioni nel mese e un patrimonio gestito di 1,274 miliardi dall'inizio dell'anno.

A livello nazionale, l'industria del risparmio gestito ha raccolto a settembre 31 milioni di euro, portando a 67 miliardi il totale da inizio anno. La raccolta del mese è stata sostenuta dai fondi di lungo termine, che hanno totalizzato sottoscrizioni per 2,3 miliardi. Fondi aperti e chiusi hanno raccolto insieme 773 milioni, controbilanciando i deflussi per 741 milioni registrati sui mandati. I fondi aperti hanno raccolto a settembre 357 milioni con i risparmiatori italiani che hanno indirizzato le proprie preferenze sui comparti relativi ai fondi bilanciati (+2,3 miliardi) e agli azionari (+1 miliardo). Il terzo trimestre si è chiuso provvisoriamente con un saldo positivo di 15,7 miliardi.

Gli asset in gestione si sono assestati a quota 2.540 miliardi, in particolare per effetto dell’andamento dei mercati. Sono 1.307 i miliardi investiti nelle gestioni collettive, mentre 1.233 sono impiegati nelle gestioni di portafoglio.



Ti potrebbero interessare anche: