Curiosità | 26 settembre 2021

Dati e confronti europei che fanno riflettere

Gli stanziamenti pubblici per R&S - La produzione hi-tech - Lingue straniere - Voli commerciali - Traffico ferroviario - La densità automobilistica - Gli insegnanti nelle primarie - Depressione cronica

Le Ogr Tech a Torino

Le Ogr Tech a Torino

GLI STANZIAMENTI PUBBLICI PER R&S

Nel 2020, gli stanziamenti del bilancio pubblico totale per ricerca e sviluppo (R&S) in tutta l' UE si sono attestati a 100,786 miliardi di euro, pari allo 0,8% del Pil. Gli stanziamenti di bilancio del governo per la R&S a livello dell'UE si sono attestati a 225 euro a persona, con un aumento del 22% rispetto al 2010 (184 euro a persona). Gli stanziamenti più elevati sono stati registrati in Lussemburgo (648 euro a persona), seguito a distanza da Danimarca (519 euro) e Germania (443 euro). In Italia lo stanziamento è stato equivalente a 180 euro a persona. Invecem i Paesi dell'UE con gli stanziamenti di bilancio pro capite per R&S più bassi sono stati la Romania (15 euro a persona), la Bulgaria (21), l'Ungheria (39 euro) e la Lettonia (42 euro).

Nell'ultimo decennio, i maggiori aumenti percentuali degli stanziamenti del bilancio pubblico per R&S per persona sono stati registrati in Lettonia (da 14 euro nel 2010 a 42 nel 2020), Grecia (da 62 a 148) ed Estonia (da 77 a 141). Al contrario, questi stanziamenti sono diminuiti in Portogallo (da 92 euro nel 2010 a 71 nel 2020), Spagna (da 179 a 144), Romania (da 17 a 15), Francia (da 253 a 235), Irlanda (da 181 a 175) e Finlandia (da 387 a 373). 

LA PRODUZIONE HIT-TECH VALE 311 MILIARDI

Nel 2020, la produzione totale venduta dell'UE di prodotti ad alta tecnologia è stata pari 311 miliardi di euro, con un calo del 7% rispetto al 2019. Nonostante questo calo, la produzione venduta di questi prodotti è aumentata dal 2010, con un aumento medio annuo di 2,9 %. Nel 2020, il maggior contributo in termini di produzione totale venduta di prodotti ad alta tecnologia è stato il settore farmaceutico, dove la produzione totale venduta è stata di 97 miliardi di euro. Il settore farmaceutico è stato seguito da elettronica, telecomunicazioni (67 miliardi di euro), strumenti scientifici (55 miliardi), aerospaziale (36 miliardi), computer e macchine per ufficio (17 miliardi), chimica (14 miliardi), macchinari non elettrici (13 miliardi), macchine elettriche (9 miliardi) e armamenti (4 miliardi).

LINGUE STRANIERE, ITALIA IN GRAN RITARDO

La conoscenza delle lingue straniere è uno strumento essenziale per lo scambio culturale. È noto che tali competenze sono richieste e incoraggiate in molti luoghi di lavoro e che possono facilitare la comunicazione in diversi altri contesti. Nel 2019, nella Ue il 59% degli alunni dell'istruzione secondaria superiore generale ha studiato due o più lingue straniere. In particolare tutti gli studenti dell'istruzione secondaria superiore hanno studiato due o più lingue straniere in Lussemburgo e in Francia. Anche Estonia, Romania, Cechia e Finlandia hanno un'ampia percentuale di studenti che studiano due o più lingue (tutte al 99%), seguite da vicino da Slovacchia (98%), Croazia (95%) e Slovenia (92%).

Al contrario, in Grecia, solo l'1% degli studenti dell'istruzione secondaria superiore generale ha studiato due o più lingue straniere nel 2019. Una bassa percentuale di studenti di lingue è stata registrata anche in: Portogallo (6%), Irlanda (12%), Italia (25 %) e Spagna (27%).

Nel 2019, l'inglese era la lingua straniera più studiata a livello di istruzione secondaria superiore generale nell'UE, con il 96% degli studenti che lo studiava. Al secondo posto lo spagnolo (26%), seguito dal francese (22%), dal tedesco (20%) e dall'italiano (3%). Inoltre, il russo era la lingua extra UE più comunemente imparata nell'UE (3%), soprattutto in Estonia (68%) e Lettonia (57%), seguita da Lituania (30%) e Bulgaria (24%).

AD AGOSTO VOLI COMMERCIALI IN RIPRESA

Per prevenire la diffusione della pandemia di Covid-19, i Paesi di tutto il mondo hanno adottato una serie di misure restrittive dall'inizio del 2020. A causa di queste restrizioni, l'industria del trasporto aereo ha subito un duro colpo, ma i dati più recenti sui voli commerciali mostrano segnali di ripresa.

Ad agosto 2021, il numero di voli commerciali nell'UE è aumentato del 48% rispetto ad agosto 2020. Questo è ancora ben al di sotto dei livelli pre-pandemia (-31% rispetto ad agosto 2019).

In termini assoluti, il numero di voli commerciali si è attestato a 479.000 nell'agosto 2021, rispetto ai 325 000 nell'agosto 2020 e ai 696 000 nell'agosto 2019.

I Paesi dell'UE con le diminuzioni più basse dei voli commerciali nell'agosto 2021 sono stati Grecia (-7% rispetto ad agosto 2019), Romania (-18%) e Croazia (-22%). Al contrario, i voli sono diminuiti di oltre la metà in Finlandia (-60% rispetto ad agosto 2019), Irlanda (-55%), Slovenia (-54%), Slovacchia (-52%) e Repubblica Ceca (-51%).

TRAFFICO FERROVIARIO ANCORA RALLENTATO

Le misure restrittive per prevenire la diffusione del Covid-19 e il cambiamento delle preferenze di viaggio hanno avuto un impatto significativo sul settore dei viaggi, compresi i viaggi in treno. Nel primo trimestre del 2021, il numero di passeggeri ferroviari è rimasto significativamente inferiore a quello dello stesso trimestre di un anno fa, quando il Covid-19 non aveva ancora un impatto tangibile sui paesi dell'UE . Il calo maggiore è stato osservato in Irlanda (-85%, -8,4 milioni di passeggeri rispetto al primo trimestre del 2020). L'Irlanda è stata seguita da Grecia (-66%, -2,6 milioni di passeggeri), Slovacchia (-60%, -9,8 milioni di passeggeri), Paesi Bassi (-59%, -46,9 milioni di passeggeri) e Danimarca (-53%, -22 milioni ). In Italia il calo è risultato del 45% e di 6,797 milioni di passeggeri. Nello stesso periodo, Slovenia (-11%, -0,3 milioni di passeggeri), Bulgaria (-19%, -0,9 milioni di passeggeri) e Romania (-19%, -2,8 milioni di passeggeri) hanno registrato le minori diminuzioni di passeggeri.

SOLO I LUSSEMBURGHESI CON PIU' AUTO DI NOI

Da almeno 30 anni il Lussemburgo registra il tasso di motorizzazione più elevato tra gli Stati membri dell'UE. Nel 2019, in quel Paese c'erano 681 autovetture per mille abitanti. Questa cifra può essere influenzata dai lavoratori transfrontalieri (cioè non dagli abitanti) che utilizzano auto aziendali immatricolate nel Paese. Il Lussemburgo è seguito dall'Italia al secondo posto, con 663 auto ogni mille abitanti. Successivamente, in cima alla lista c'erano Cipro (645 vetture), Finlandia e Polonia (entrambe con 642 vetture).

Al contrario, i tassi di motorizzazione più bassi sono stati riscontrati in Romania (357 auto), Lettonia (381 auto) e Ungheria (390 auto).

Nel 2019, il maggior numero di autovetture in circolazione è stato registrato in Germania con quasi 48 milioni di auto, seguita da Italia (40 milioni) e Francia (32 milioni). Tra il 2015 e il 2019, l'aumento più elevato del numero di autovetture immatricolate è stato registrato in Romania (+34%), seguita da Lituania (+20%), Ungheria (+19%), Slovacchia e Polonia (entrambe +18%) .

L'unico Stato membro che ha registrato un calo del numero di autovetture immatricolate in questo periodo è stata la Bulgaria (-11%).

Diversi Stati membri dell'UE hanno segnalato un'ampia quota di autovetture "vecchie" (20 anni o più) nel 2019. Le quote più elevate sono state registrate da Polonia (37,9%), Estonia (31,5%), Finlandia (26,9%) e Lituania ( 22,6%). D'altra parte, le quote di auto nuove (meno di 2 anni) erano più alte in Irlanda (28,8%), Lussemburgo (23,7%), Belgio (22,9%) e Danimarca (22,6%).

DUE MILIONI GLI INSEGNANTI NELLE PRIMARIE

Nel 2019, negli Stati membri della Ue, a livello di istruzione primaria c'erano 2 milioni di insegnanti (85% donne, 15% uomini) e 24,5 milioni di alunni a livello di istruzione primaria. I bambini di solito entrano nei programmi della scuola primaria tra i 5 e i 7 anni. Questi programmi sono progettati per fornire loro una solida istruzione di base in lettura, scrittura e matematica, insieme a una comprensione elementare di altre materie come la storia , geografia, scienze naturali e sociali, arte e musica. Nell'UE, il numero medio di alunni per insegnante a livello primario è leggermente diminuito, passando da 13,6 nel 2018 a 13,5 nel 2019. I rapporti più bassi sono stati registrati in Grecia (8,7), Lussemburgo (9,0) e Polonia (9,6). All'estremo opposto, la Romania ha mantenuto il più alto rapporto alunni-insegnanti (19,4). Seguono Francia e Repubblica Ceca con rapporti rispettivamente di 18,8 e 18,7. Per l'Italia il rapporto è di 12 alunni per insegnante.

I PAESI CON MAGGIORE DEPRESSIONE CRONICA

Nel 2019, il 7,2% dei cittadini dell'UE ha riferito di avere una depressione cronica, in lieve aumento rispetto al 2014 (+0,3 punti percentuali). Tra i Paesi dell'UE, la Slovenia ha avuto la quota più alta di popolazione che ha riportato depressione cronica nel 2019 (15,1%), seguita dal Portogallo (12,2%) e dalla Svezia (11,7%). La percentuale più bassa, invece, è stata registrata in Romania (1%), Bulgaria (2,7%) e Malta (3,5%). La quota dell'Italia è risultata di poco superiore al 5%. Il Portogallo ha registrato la quota più alta di donne che hanno riportato depressione cronica (16,4%), seguita da vicino dalla Slovenia (16%). La Slovenia ha registrato la quota più alta di uomini che hanno riportato depressione cronica (14,3%), seguita da Svezia (10%) e Germania (9,9%).

Ti potrebbero interessare anche: