Notizie | 24 settembre 2021

Nord Ovest: oltre 54mila nuovi posti di lavoro

Banca d'Italia ha censito nei primi otto mesi di quest'anno 54.222 assunzioni nette, delle quali 18.798 in Piemonte (1.032 a tempo indeterminato e 21.069 a tempo determinato; mentre gli apprendisti sono diminuiti di 3.303), 30.149 in Liguria (rispettivamente 1.558 a tempo indeterminato e 27.232 a tempo determinato) e 5.275 in Valle d'Aosta (rispettivamente 356 e 4.485).

Dopo la crescita registrata a luglio, ad agosto, come negli anni passati, si è interrotto il processo di creazione di nuovi posti di lavoro che, tipicamente, si concentra nei primi sette mesi dell’anno. Lo riferisce la Banca d'Italia, precisando che nel nostro Paese in agosto sono stati attivati 375mila impieghi a fronte di 411mila cessazioni: il saldo è stato negativo e pari a -36.000 posizioni, un valore significativamente migliore di quello registrato nello stesso mese del 2019 (-77.000).

Dall’inizio del 2021 sono stati creati oltre 830.000 posti di lavoro, a fronte dei 327.000 del 2020 e dei 689.000 del 2019. Quasi il 90% dei posti di lavoro creati nei primi otto mesi del 2021 è stato attivato con un contratto a termine (al netto delle cessazioni). La modesta dinamica delle posizioni a tempo indeterminato, marcatamente inferiore anche a quella osservata nel 2020, risente del numero ancora esiguo di nuove assunzioni e trasformazioni di impieghi già in essere (-23,8% nei primi otto mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2019).

Anche il numero delle cessazioni, però, è rimasto modesto, nonostante la rimozione, dal 1° luglio 2021, della sospensione delle procedure di licenziamento per circa quattro milioni di lavoratori a tempo indeterminato dei comparti edile e industriale (con l’eccezione del tessile, dell’abbigliamento e della pelletteria). Si stima che in luglio l'eliminazione del vincolo abbia sbloccato circa 10.000 licenziamenti, riportandone il numero sui livelli medi del 2019. I licenziamenti sono però tornati già ad agosto su valori estremamente contenuti, per effetto sia della ripresa ciclica sia del perdurare di condizioni favorevoli per l’accesso ai regimi di integrazione salariale.

Per quanto riguarda le tre regioni del Nord Ovest, Banca d'Italia ha censito nei primi otto mesi di quest'anno 54.222 assunzioni nette, delle quali 18.798 in Piemonte (1.032 a tempo indeterminato e 21.069 a tempo determinato; mentre gli apprendisti sono diminuiti di 3.303), 30.149 in Liguria (rispettivamente 1.558 a tempo indeterminato e 27.232 a tempo determinato) e 5.275 in Valle d'Aosta (rispettivamente 356 e 4.485). Nello stesso periodo del 2020, la Liguria aveva fatto registrare 14.763 attivazioni nette, mentre il Piemonte aveva denunciato un saldo negativo di 4.852 e la Valle d'Aosta di 1.326; per cui il totale positivo del Nord Ovest era risultato di 8.585.

Tornando all'intero Paese, Banca d'Italia ha rilevato che a luglio e agosto l’industria ha continuato a crescere a ritmi superiori a quelli precedenti la pandemia: nei primi otto mesi del 2021 sono stati creati 138.000 posti di lavoro. In particolare, alla positiva dinamica delle costruzioni (64.000 posti di lavoro in più da gennaio 2021) si è affiancato il graduale recupero della manifattura che, dopo la stagnazione del 2020, ha registrato a fine agosto un saldo positivo di 65.000 posizioni create dall’inizio dell’anno. A luglio e agosto si è anche rafforzata la tendenza positiva dei servizi, trainati dal commercio, dai settori ricreativi (arte, cultura, sport e tempo libero) e soprattutto dal turismo, che ha superato i livelli dello stesso periodo del 2019. Tuttavia nelle grandi città il recupero è rimasto parziale: a Roma, Milano, Venezia, Napoli, Firenze e Palermo le attivazioni nette tra gennaio e agosto di quest’anno risultano ancora inferiori a quelle dello stesso periodo del 2019.

Anche l’occupazione femminile recupera: si è gradualmente riassorbito il divario di genere osservato nel 2020, che era stato alimentato anche da fattori di offerta di lavoro riconducibili agli accresciuti carichi di cura familiare. Nei primi otto mesi del 2020 le donne avevano occupato solo un terzo delle posizioni di lavoro create (circa 108 mila su 327 mila); quest’anno la quota è salita al 43% (361.000 su 832.000), in linea con l’incidenza della forza lavoro femminile sul totale dell’occupazione. Anche i giovani sono stati favoriti dalla ripresa delle assunzioni.

Ti potrebbero interessare anche: