Storia & storie | 15 settembre 2021

Ecco i vincitori del Premio Acqui Storia

Ecco i vincitori del Premio Acqui Storia

Vittorio Criscuolo, con “Ei fu. La morte di Napoleone”, edito Il Mulino e Marco Rovinello, con “Fra servitù e servizio. Storia della leva in Italia dall’Unità alla Grande Guerra”, edito Viella Libreria Editrice, si aggiudicano ex aequo la 54a edizione del Premio Acqui Storia per la sezione storico-scientifica. Per la sezione storico-divulgativa vincono Alessandro Martini e Maurizio Francesconi con “La moda della vacanza. Luoghi e storie. 1860-1939”, edito Giulio Einaudi Editore e per la sezione riguardante il romanzo storico si aggiudica il premio Stefano Muroni con “Rubens giocava a pallone”, edito Pendragon edizioni. Riceve una menzione speciale per il romanzo storico Rosa Tiziana Bruno con “Kairós. Un giorno in Magna Grecia”, edito MIMebù editore.

I vincitori sono stati annunciati nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, alla presenza dell’assessore alla Cultura, Cinzia Montelli e del presidente della Fondazione Cr Alessandria, Luciano Mariano.

Nato nel 1968 per onorare la memoria della Divisione Acqui e ricordarne l’eccidio consumatosi nel settembre del 1943 nelle isole ioniche di Cefalonia e Corfù, il Premio Acqui Storia ha l’obiettivo di diffondere la conoscenza della ricerca storiografica e divulgativa a livello nazionale e internazionale. È promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, massimo ente finanziatore del premio, dalla Fondazione Crt di Torino, dalla Regione Piemonte, dalla Cte, dall’Istituto Nazionale Tributaristi, dall’Amag, dalla Brc, dal Gruppo Benzi e dal Comune di Acqui Terme, a cui fa capo, come Ufficio Cultura, la concreta organizzazione della manifestazione.

Sono stati 192 i volumi in concorso in questa nuova edizione del Premio Acqui Storia. I vincitori, selezionati dalle giurie del concorso, riceveranno il premio di 6.500 euro durante la cerimonia conclusiva della 54° edizione del Premio Acqui Storia che si svolgerà sabato 16 ottobre alle ore 21, al Teatro Ariston, ad Acqui Terme.

“Anche quest’anno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria – afferma il presidente Luciano Mariano - promuove il Premio Acqui Storia, uno degli eventi culturali più prestigiosi che da 54 anni viene organizzato nel nostro territorio con una risonanza che ha varcato i confini nazionali. A testimoniare la vitalità dell’iniziativa è il consistente numero di volumi, quasi 200, che hanno partecipato a questa edizione mettendo a dura prova il difficile compito delle giurie”.

Oltre alla presenza dei vincitori delle tre sezioni letterarie, ogni anno il Premio Acqui Storia assegna i premi speciali "Testimone del Tempo", “La Storia in TV” e il Premio alla Carriera.

L’assegnazione del premio Testimone del Tempo 2021 vedrà due figure di straordinario rilievo nel panorama culturale contemporaneo: la nota scrittrice, poetessa e testimone della Shoah Edith Bruck e Richard Ovenden, bibliotecario della prestigiosa Bodleian Library dell’Università di Oxford

Il premio “La Storia in TV” sarà ricevuto da Cristoforo Gorno, autore di importanti programmi di divulgazione scientifica sia sulle reti Mediaset che sulle reti Rai. Il Premio speciale alla Carriera verrà conferito a Marina Warner per quanto riguarda l’edizione 2020 (a causa dell’emergenza sanitaria non ha potuto ricevere il Premio) narratrice, saggista, autrice di critica “storico-culturale”.

Riceve il premio speciale alla Carriera Paolo Pombeni, storico e politologo. È professore emerito dell'Università di Bologna.

Ti potrebbero interessare anche: