Notizie - 13 settembre 2021, 19:09

"Con la Tav Torino al centro di un'area da 600 miliardi"

Mino Giachino

Mino Giachino

“Il primo problema della prossima amministrazione comunale è, in assoluto, il rilancio di Torino, della sua economia e del lavoro. A questo fine la Tav è l'opera fondamentale”. Lo scrive Mino Giachino, a capo della lista “Sì Tav sì lavoro”, che appoggia il candidato sindaco Damilano, aggiungendo che Torino, con l'amministrazione uscente, ha rischiato di perdere la Tav, non avendo compreso che “entrare in una rete di trasporti ad alta velocità significa mettersi al centro dei traffici del futuro, con infiniti vantaggi”.

Giachino ribadisce che “con la prossima amministrazione, la Tav deve essere accelerata per arrivare a completare l'infrastruttura che spingerà fortemente il rilancio di Torino, dopo una crisi durata vent'anni. Dobbiamo rifarci del tempo perso. La Tav non è solo il treno Lione-Torino, ma è un pezzo fondamentale che permette di far passare una linea veloce da Londra fino a Budapest, attraversando tutta la pianura padana, A Budapest, poi, la linea incontrerà la Via della Seta. Essere dentro questa linea significa portare Torino al centro dei traffici commerciali e turistici dell'Europa del futuro, con ricadute enormi sul commercio e sull'economia di Torino”.

Giachino conclude: “Torino, che oggi fa fatica ad attrarre nuove iniziative, con la Tav ritornerà a essere al centro di un'area (Lione, Torino, Milano e Genova) che vale un Pil di oltre 600 miliardi”.

Ti potrebbero interessare anche:

SU