Piazza Affari | 05 settembre 2021

Borsa: EdiliziAcrobatica batte tutti per rialzo

Borsa: EdiliziAcrobatica batte tutti per rialzo

I continui record borsistici di Reply, Tinexta e Sanlorenzo quasi non sorprendono più (ancora nella settimana appena passata le loro azioni hanno raggiunto i rispettivi massimi storici, per cui la capitalizzazione di Reply ha superato i 6,5 miliardi, quella di Tinexta i 2 miliardi e quella della Sanlorenzo il miliardo); per cui non stupisce che questo trio figuri nella parte più alta della classifica delle quotate del Nord Ovest che hanno fatto registrare i maggiori rialzi dall'inizio dell'anno. Può stupire non pochi, invece, che in testa a questa graduatoria si trovi la genovese EdiliziAcrobatica, la cui azione è salita del 259,85% dal 4 gennaio, chiudendo, venerdì scorso, a 19 euro. Nessun altro titolo del “nostro” listino ha fatto meglio.

L'incremento di EdiliziAcrobatica è superiore anche a quelli di Tinexta, sul secondo gradino del podio (+100,67% dalla prima seduta di gennaio) e di Reply, sul terzo (+80,53%). Subito sotto si trova la Sanlorenzo del torinese Massimo Perotti, al quarto posto con l'aumento dell'80,41%, seguita dalla Osai Automation Systems, quinta (+67,18%). Completano la top ten dei rialzi, nell'ordine decrescente: Fidia (+64,44%), Fos, altra genovese (+53,18%), la Orsero di Albenga (+50,15%), Prima Industrie (+49,39%) e Cairo Communication, la holding di Urbano Cairo (+45,81%).

Delle 42 società del Nord Ovest attualmente negoziate in Piazza Affari (altre due – Biancamano e Cdr Advance Capital – sono sospese dalle negoziazioni) soltanto otto hanno terminato la settimana scorsa con un prezzo inferiore a quello del 4 gennaio. Tra queste spiccano la Juventus (ribasso dell'8,21%) e la Ferrari (-2,50%), entrambe controllate dalla Exor della famiglia Agnelli-Elkann-Nasi (+6,01%), maggiore azionista anche di Cnh Industrial (+36,64%) e di Stellantis (+44,68%).

Le altre sei a presentare un confronto in rosso sono Visibila Editore della cuneese Daniela Santanchè (-61,56% dall'inizio dell'anno), Ki Group (-47,09%), Banca Carige (-31,84%), Bim (-11,6%), Pininfarina (-9,34%) e Borgosesia (-4,27%).

Per quanto riguarda le blue chip del Nord Ovest, oltre alle citate, vanno ricordate le performance delle restanti, cioè Buzzi Unicem (+18,55%), Diasorin (+18,02%), Italgas (+8,58%) e Intesa Sanpaolo (+24,98%). La società guidata da Carlo Messina e con la torinese Fondazione Compagnia di San Paolo come maggiore azionista è risultata perciò terza per rialzo dal 4 gennaio tra le “nostre” quotate appartenenti al listino Ftse-Mib.

Ti potrebbero interessare anche: