Piazza Affari | 24 luglio 2021

Borsa: settimana positiva per tutte le "nostre" blue chip

Borsa: settimana positiva per tutte le "nostre" blue chip

L'ultima settimana è stata positiva per la Borsa italiana, il cui indice Ftse Mib, che rappresenta le 40 principali società negoziate in Piazza Affari, è risalito sopra quota 25.000 punti, chiudendo a 25.125. La tendenza favorevole ha caratterizzato naturalmente il listino del Nord Ovest, come conferma il fatto che soltanto 11 “nostre” quotate hanno terminato la seduta di venerdì scorso con un prezzo inferiore a quello di sette giorni prima. In ribasso hanno finito Bim (0,039 euro l'ultimo prezzo), Cairo Communication (1,578), Centrale del Latte d'Italia (3,42), Conafi (0,296), Fidia (2,25), Italia Independent (1,79), Ki Group (0,1585), Juventus (0,7355), Pininfarina (0,968), Rcs MediaGroup (0,662) e Visibilia Editore (4,46).

In parità hanno concluso Osai Automation Systems (5,16 euro), Prima Industrie (20,60) e Renergetica (4,05). Tutte le altre quotate del Nord Ovest hanno presentato un prezzo superiore, a partire dalle blue chip: Buzzi Unicem (22,14 euro), Cnh Industrial (13,725), Diasorin (172,35), Exor (67,56), Ferrari (179,210), Intesa Sanpaolo (2,285), Italgas (5,636) e Stellantis (15,752).

Tra le big va segnalato il nuovo record storico di Tinexta conquistato proprio venerdì, quando la sua azione è balzata a 37,84 euro, valore che corrisponde alla capitalizzazione di di oltre 1,786 miliardi. Oltre alla società guidata dalla coppia torinese formata da Enrico Salza (presidente) e Pier Andrea Chevallard (amministratore delegato), hanno evidenziato notevoli rialzi rispetto al venerdì precedente Diasorin, Ferrari, Iren e Reply che ha chiuso a 147,10 euro, vicino al massimo di 147,90 raggiunto il 7 luglio.

Ti potrebbero interessare anche: