Libri | 09 luglio 2021

Quello strano legame tra Torino e Birmingham

Quello strano legame tra Torino e Birmingham

di Francesco Amadelli

Qual è lo strano legame che unisce Birmingham a Torino? Il lettore lo scoprirà cammin facendo, comprendendo come un sogno non sia poi così distante dalla realtà. Che un sogno diventi realtà è molto difficile, ma talvolta riesce, come è riuscito al protagonista di questo romanzo (“Il racconto di un sogno diventato realtà”, Abra Books) nel petto del quale pulsa l’impegno e la contentezza dell’autore stesso (Luca Bortolami), alter ego di quel Riccardo che riempie di entusiasmo le pagine del libro.

Tutto parte un po’ in sordina con l’incontro casuale fra Maurizio e Riccardo, giunti nella città britannica per motivi differenti. La loro parrebbe una conoscenza temporanea, destinata ad interrompersi dopo pochi giorni. E invece no. La lontananza fra i due accresce il desiderio e la curiosità di portare avanti la loro amicizia non appena Maurizio rientra a Torino e riprende posto alla sua scrivania di giornalista. Cronista di provata esperienza con un matrimonio fallito alle spalle e una figlia ormai cresciuta sente di affezionarsi a quel giovane che dimostra talento, intuito e intelligenza.

In compagnia di un altro amico torna a Birmingham e convince Riccardo a lasciarsi condurre verso una carriera nella quale crede fermamente. Un talent-scout potremmo definirlo, capace di infondere nel giovane allievo lo stesso spirito di quando anch’egli mosse i primi passi nel campo del giornalismo, terreno fino a quel momento inesplorato da parte di Riccardo.

Non sarà un’ascesa lenta e graduale ma veloce e inaspettata, ricca di sorprese. Il racconto alterna fasi di allegria ad altri di tenerezza e dolore rendendolo maggiormente interessante.

Amici, voi che tifate per la Juventus e per la Nazionale questo è per voi. Il football ha una parte importante nel romanzo, che scoprirete pagina dopo pagina.

Maurizio scopre quanto il suo fiuto sia stato premonitore portando Riccardo a toccare quote di professionalità impreviste. Il percorso non sarà soltanto rose e fiori, la sorpresa salterà fuori inattesa senza che la riveliamo al lettore che avidamente avrà il piacere di seguire le mosse dei nostri protagonisti fino alla fine.

Il romanzo è ambientato principalmente a Torino, come lo dimostra la bella foto di copertina, città misteriosa e pulsante troppo spesso dimenticata dalla letteratura.


Ti potrebbero interessare anche: